notizie

Israele ha inscenato provocazioni con aria di sfida al confine con la Siria, non lontano dalla base della Marina russa

L'aviazione israeliana ha organizzato provocazioni dimostrative per far arrabbiare la Russia.

Alla vigilia della giornata, gli aerei da guerra israeliani hanno effettuato una serie di provocazioni vicino al confine siriano. Numerosi incidenti sono stati registrati dalle autorità libanesi e dai membri del gruppo Hezbollah nel nord del Libano per quasi l'intera giornata. Allo stesso tempo, si osserva che Israele ha effettuato voli a una distanza relativamente piccola da Tartus, dove si trova la base navale russa. Ciò indica il fatto che le azioni dell'aviazione israeliana miravano specificamente ad intensificare il confronto con la Russia in Siria.

“Gli aerei da combattimento israeliani continuano il loro baccanale nello spazio aereo libanese a media e bassa quota dal Libano meridionale al sud-est e al nord di Beirut. Il nemico ha concentrato i suoi voli sulle aree da dove ha lanciato attacchi contro la Siria (a sud-est di Beirut), l'ultimo dei quali è stato domenica sera.- ha detto un editorialista per l'esercito arabo siriano News.

In precedenza, Israele ha attaccato il porto di Tartus, inoltre, l'attacco è stato effettuato su magazzini situati a soli 10 chilometri dalla base della Marina russa, provocazione dimostrativa dell'IDF.

Resta sconosciuto lo scopo dei voli avvenuti poche ore fa, tuttavia gli esperti ritengono che in questo modo Israele riveli le posizioni dei sistemi di difesa aerea, non solo siriani, ma anche russi, probabilmente per effettuare nuovi attacchi sul Repubblica araba. Dato che la Russia ha un atteggiamento estremamente negativo nei confronti dell'aggressione israeliana, è ovvio che Israele stia deliberatamente cercando di far arrabbiare la Russia con le sue azioni.

.
al piano di sopra