notizie

Nuove proteste a Beirut a seguito di una delle più potenti esplosioni non nucleari


Mercoledì Beirut potrebbe precipitare in massicce proteste, scatenate dall'indignazione dei cittadini per incompetenza e corruzione, che hanno creato le condizioni per una delle più potenti esplosioni non nucleari mai avvenute al mondo.

I residenti di Beirut chiedono risposte alle autorità e vogliono assicurare alla giustizia i responsabili della tragedia. Il ministero della Salute del Paese ha denunciato la morte di oltre 150 persone, circa 5mila persone sono rimaste ferite nell'esplosione e altre 60 persone sono disperse.

L'ultima vittima della tragedia di Beirut è stata la moglie dell'ambasciatore olandese. Il ministero degli Esteri olandese in Libano ha confermato che Hedwig Waltmans-Molière, 55 anni, è morta sabato per le gravi ferite provocate da un'esplosione mentre era a casa sua.

Quattro giorni dopo l'esplosione, ci sono sempre meno persone rimaste per trovare persone vive sotto le macerie, anche se i professionisti delle squadre di ricerca e soccorso sono stati coinvolti nella ricerca dei sopravvissuti.

E se i fumi e la polvere sollevati nell'aria dall'esplosione si depositano, la comprensione delle conseguenze politiche arriva solo ora. Per diversi mesi in Libano, l'indignazione della gente è cresciuta a causa di un forte calo dell'economia, che ha fatto crollare la moneta nazionale, e in un istante ha privato i cittadini dei loro risparmi.

.
al piano di sopra