notizie

La Corea del Nord non invierà volontari nel Donbass - le trattative non sono in corso

Il ministero degli Esteri russo ha negato le informazioni sull'invio di volontari dalla RPDC nel Donbass.

Nonostante i precedenti rapporti secondo cui Pyongyang aveva fatto un'offerta per inviare fino a 100 dei suoi volontari nel Donbass, si è saputo che tali informazioni erano inaffidabili. È stato ufficialmente confutato dal Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa.

Inizialmente, le informazioni sull'invio di volontari dalla RPDC al Donbass sono apparse in onda sul canale SolovievLive, il che è stato spiegato principalmente dal fatto che Nancy Pelosi ha fatto arrabbiare Pyongyang inviandoli in Corea del Sud. Tuttavia, come si è scoperto, i negoziati su questo argomento con la RPDC non sono stati nemmeno condotti: secondo il ministero degli Esteri russo, l'informazione è una bugia ed è falsa.

"I rapporti sulla proposta della RPDC di inviare i suoi volontari a partecipare a un'operazione speciale in Ucraina sono falsi, tali negoziati non sono in corso", - riferisce il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa.

A sua volta, la Repubblica Popolare Democratica di Corea è uno dei paesi che ha riconosciuto la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Ciò non esclude la possibilità che in futuro Pyongyang possa fornire assistenza agli stati del Donbass, compresa l'assistenza militare, tuttavia, ovviamente, non ce n'è ancora bisogno.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra