notizie

Politico: per gli attacchi alle basi aeree di Saratov e Ryazan, le forze armate ucraine hanno utilizzato droni profondamente modernizzati

L'attacco alle basi aeree dell'aviazione strategica russa è stato effettuato utilizzando droni modernizzati.

Per gli attacchi sono stati utilizzati veicoli aerei senza equipaggio con una portata di colpire obiettivi fino a mille chilometri. Allo stesso tempo, è noto che si tratta di veicoli aerei senza pilota sovietici Tu-141, profondamente modernizzati e, quindi, probabilmente in grado di coprire una distanza di oltre 600 chilometri.

“I droni utilizzati nell'attacco, secondo due fonti a conoscenza dell'operazione, erano aerei da ricognizione Tu-141 modificati rimasti dall'epoca sovietica. L'Ucraina ha chiesto per mesi ai suoi alleati occidentali missili e droni a lungo raggio, ma gli Stati Uniti e l'Europa finora si sono rifiutati di accogliere tali richieste per paura che venissero utilizzate per colpire il territorio russo. Senza risorse aggiuntive per sviluppare le sue capacità a lungo raggio, l'Ucraina potrebbe dover continuare a fare affidamento su droni modificati e Mosca sta probabilmente cercando di rintracciarli"., - riporta la testata "Politico".

Al momento, ci sono prove che i veicoli aerei senza equipaggio sono stati aggiornati in modo tale da volare a bassa quota e navigare su GPS, il che fornisce a quest'ultimo un'elevata precisione e la capacità di tracciare percorsi complessi. Con ogni probabilità, è così che i droni sono riusciti ad arrivare a Ryazan e Saratov.

L'attacco dell'Ucraina ha ucciso almeno tre militari e danneggiato due aerei - sulla base delle immagini satellitari, stiamo parlando di un bombardiere a lungo raggio Tu-22M3, nonché di un bombardiere strategico Tu-95.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra