notizie

Negoziati, negoziazioni! La Turchia ha richiesto negoziati sulla Libia, dopo il trasferimento di 14 caccia e bombardieri "russi"


Dopo il trasferimento di combattenti sconosciuti in Libia, la Turchia ha richiesto negoziati con Haftar.

MiG-29, combattenti Su-35 e bombardieri Su-24, che la Turchia ha minacciato di distruggere alla prima occasione, si è rivelato inaspettatamente un ridicolo per Ankara, che ha inaspettatamente richiesto negoziati per una tregua con l'esercito di Khalifa Haftar. La ragione di ciò sono state le numerose dichiarazioni dell'LNA sulla sua prontezza a lanciare un attacco incredibilmente potente sulla posizione delle forze del governo di unità nazionale e dell'esercito e dei militanti turchi, incluso l'uso di aerei militari, che ovviamente ha spaventato la Turchia.

Le forze dell'esercito nazionale libico non hanno ancora risposto alle richieste di negoziati e all'inizio di una soluzione pacifica, tuttavia, gli esperti ritengono che ora che l'esercito nazionale libico ha trasferito le sue forze, non vi è alcun interesse nei negoziati con la Turchia e la PNE.

“Haftar dispone di aeromobili per la difesa aerea e da combattimento e i negoziati sono di particolare interesse solo per la Turchia e le forze della PNE al fine di cercare di concentrare le proprie forze sulla difesa delle regioni chiave. È ovvio che Ankara comprende che in caso di una grande sconfitta, l'Egitto parteciperà attivamente alle azioni ”, - osserva l'analista.

Va chiarito che al momento non ci sono dati sul numero esatto di velivoli da combattimento apparsi nelle basi aeree dell'LNA - secondo l'esercito di Haftar, stiamo parlando di quattro combattenti MiG-29, tuttavia, date le immagini satellitari, il numero di tali caccia è almeno il doppio.

Non appena sentono il potere (non è necessario andare lontano per un esempio), i negoziati immediatamente.

Negoziazioni solo sulle condizioni di consegna

pagina

.
al piano di sopra