Attacco di droni

notizie

Nuovi attacchi alle raffinerie di petrolio in Arabia Saudita: gli ussiti esortano a prepararsi per il petrolio a 150 $


I ribelli yemeniti hanno annunciato nuovi attacchi su larga scala alle raffinerie di petrolio in Arabia Saudita.

I ribelli yemeniti hanno dichiarato che gli attacchi alle raffinerie di petrolio in Arabia Saudita continueranno e raccomandano a tutti i cittadini stranieri di lasciare il paese entro i prossimi giorni. Inoltre, secondo una serie di fonti, possiamo parlare di un attacco alle più grandi imprese produttrici di petrolio di questo stato mediorientale, che porterà ad un aumento del costo del petrolio al livello di 130-150 dollari al barile.

Secondo alcune informazioni, durante l'ultimo attacco, gli ussiti hanno usato veicoli aerei senza pilota e missili da crociera, che sono copie dei missili da crociera sovietici X-55, come evidenziato dal relitto, il che dimostra che alcuni dei missili erano ancora abbattuti, sebbene in generale i sistemi di difesa missilistici americani " Patriot "ha mostrato un'efficienza estremamente bassa.

Gli esperti stimano che le minacce dei ribelli yemeniti siano del tutto reali, poiché oggi l'Arabia Saudita è il maggiore esportatore di petrolio e persino l'ultimo attacco da parte degli ussiti potrebbe già far salire i prezzi del petrolio a 100 dollari al barile.

Ben fatto Husits, facciamo 150, siamo d'accordo

pagina

al piano di sopra