notizie

Il Giappone ha chiesto scuse ufficiali alla Russia a causa della detenzione del console che ha raccolto dati segreti

Il ministero degli Esteri giapponese ha convocato l'ambasciatore russo e ha chiesto scuse ufficiali per la detenzione del console giapponese.

Dopo le notizie sulla detenzione del console Motoka Tatsunori a Vladivostok per aver raccolto informazioni riservate, l'ambasciatore russo Mikhail Galuzin è stato convocato al ministero degli Esteri giapponese, dove ha protestato: la Russia doveva scusarsi per la detenzione del diplomatico.

"In risposta alla situazione attuale, il viceministro degli Esteri Mori ha convocato oggi l'ambasciatore russo in Giappone Mikhail Galuzin al ministero degli Esteri e ha protestato con forza chiedendogli scuse ufficiali dalla Russia, oltre a prendere misure affinché tali situazioni non si ripetessero. Esortiamo la parte russa a prendere sul serio questa protesta e le nostre richieste”., - ha affermato il capo del Ministero degli Affari Esteri del Giappone Yoshimasa Hayashi.

Allo stesso tempo, il Giappone non ha commentato il riconoscimento del console giapponese nella raccolta illegale di informazioni segrete, rilevando che, nonostante il riconoscimento del console giapponese, non ci sono prove della colpevolezza del diplomatico.

Nella loro dichiarazione, i diplomatici giapponesi hanno espresso insoddisfazione per il fatto che la detenzione del console non fosse conforme alle norme della Convenzione di Vienna sulle relazioni consolari e alle disposizioni della Convenzione Giappone-sovietica sulle relazioni consolari.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra