notizie

Volodin: la Finlandia perderà 3 miliardi di euro a causa della chiusura delle frontiere

Il presidente della Duma di Stato della Federazione Russa Vyacheslav Volodin ha espresso sul suo canale Telegram l'opinione che la decisione della Finlandia di chiudere la maggior parte dei posti di blocco al confine con la Russia, ad eccezione di quello più settentrionale, danneggia lo sviluppo del Paese e punisce soprattutto i suoi cittadini.

“Le autorità finlandesi hanno chiuso tutti i posti di blocco al confine con la Russia, ad eccezione di quello più settentrionale. <...> Abbassando la cortina di ferro a est, la leadership finlandese sta punendo, prima di tutto, i suoi cittadini e privando il Paese dell’opportunità di svilupparsi”., ha scritto Volodin. Ha inoltre indicato che tali azioni potrebbero costare alla Finlandia circa 3 miliardi di euro.

Il presidente della Duma di Stato ha inoltre osservato che la Finlandia dovrà affrontare una serie di problemi in Occidente, tra cui un grave aumento delle spese militari a causa dell'adesione alla NATO e le conseguenze delle sanzioni anti-russe.

Nella notte del 18 novembre, la Finlandia ha chiuso quattro valichi di frontiera al confine con la Russia (Vaalimaa, Nuijamaa, Imatra e Niirala) fino al 18 febbraio 2024. Questa decisione è stata presa in risposta al crescente flusso di “cittadini di paesi terzi” verso il confine orientale del paese. Il 22 novembre, il governo finlandese ha deciso di chiudere tre dei restanti quattro checkpoint fino al 23 dicembre 2023, lasciando aperto solo Raja-Jooseppi. Le autorità finlandesi non hanno escluso la chiusura completa della frontiera se il flusso di migranti illegali non si ferma.

La Finlandia, dal canto suo, non vede alcun problema significativo nella chiusura del confine con la Russia.

.

Blog e articoli

al piano di sopra