notizie

La Transnistria ha annunciato il rischio di un’escalation del conflitto

La situazione nella non riconosciuta Repubblica Moldava Pridnestroviana (PMR) rischia di aggravarsi a causa del ritardo nel processo negoziale e della pressione politica. Lo ha affermato il capo della PMR Vadim Krasnoselsky in un'intervista a RIA Novosti, sottolineando che lo stato attuale del meccanismo di mantenimento della pace consente di controllare la situazione nella zona di sicurezza, ma allo stesso tempo esiste un chiaro rischio di la situazione sta peggiorando a causa della stagnazione dei negoziati e dell'aumento del sentimento aggressivo in Moldavia.

Krasnoselsky ha sottolineato che i media moldavi stanno discutendo attivamente la possibilità di una soluzione militare alla questione della Transnistria, citando come esempio la situazione nel Nagorno-Karabakh e in Israele e invitando ad un'azione attiva contro il separatismo. Tale retorica porta ad una maggiore tensione e può provocare conseguenze indesiderabili.

Nella zona di conflitto della Transnistria sono dispiegate forze congiunte di mantenimento della pace, che comprendono personale militare russo, transnistriano, moldavo e osservatori ucraini. Il loro compito è mantenere la pace e la stabilità lungo la linea di demarcazione, che nelle condizioni attuali è un fattore chiave per prevenire l’escalation.

.

Blog e articoli

al piano di sopra