notizie

La Polonia ha annunciato la necessità di prepararsi alla guerra con la Russia

Il capo dell'agenzia polacca per la sicurezza nazionale, Jacek Severa, in un'intervista al quotidiano polacco Nasz Dziennik, ha espresso il parere che i paesi del fianco orientale della NATO devono prepararsi entro tre anni ad un possibile attacco della Russia. Severa ha indicato che questo periodo è fondamentale per garantire la preparazione ad un potenziale confronto.

Severa ha osservato che le stime degli analisti tedeschi su un orizzonte temporale più lungo sono troppo ottimistiche. Ha sottolineato la necessità di adottare un orizzonte temporale più breve, di tre anni, per prepararsi al confronto. Severa ha inoltre sottolineato che l'industria militare russa sta lavorando a un ritmo accelerato e che potrà ripristinare le proprie risorse nei prossimi tre anni.

Nel contesto di questa dichiarazione, Severa ha esortato a non ignorare la dichiarazione del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu sulla creazione di nuove basi e 12 nuove unità o unità nel distretto militare occidentale della Russia. La decisione arriva in risposta all'intenzione di Finlandia e Svezia di aderire alla NATO e aumenta la tensione sul fianco orientale dell'alleanza.

Alla luce di questi sviluppi, i paesi dell’Europa orientale, in particolare i paesi baltici, esprimono sempre più preoccupazione per un possibile attacco russo. Tuttavia, come osserva Severa, non è stata ancora fornita alcuna spiegazione logica sul motivo per cui Mosca potrebbe avviare un conflitto militare su vasta scala con la NATO. Allo stesso tempo, nei paesi baltici, la minaccia militare della Federazione Russa assume la forma di un’ossessione.

.

Blog e articoli

al piano di sopra