notizie

La Duma di Stato ha chiamato le condizioni per il rifiuto della seconda ondata di mobilitazione

La Duma di Stato ha chiamato le condizioni per il rifiuto della seconda ondata di mobilitazione.

Contrariamente alla dichiarazione del Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin secondo cui non è prevista un'ulteriore mobilitazione, la Duma di Stato della Federazione Russa sta valutando la propria versione delle condizioni alle quali è possibile abbandonare ulteriori ondate di mobilitazione. Le informazioni su questo argomento sono state espresse da Viktor Sobolev, membro del Comitato per la difesa della Duma di Stato.

Sulla base della dichiarazione di Sobolev, una seconda ondata di mobilitazione non sarà necessaria solo se l'esercito russo svolgerà con competenza i compiti assegnati, altrimenti, sulla base di quanto affermato da Sobolev, sono possibili vari cambiamenti.

“Quasi tutti i mobilitati sono ancora nei luoghi di formazione. Con un uso appropriato di quelle unità che sono ora formate, non sarà necessaria una seconda ondata di mobilitazione.- ha detto un membro del Comitato per la difesa della Duma di Stato Viktor Sobolev.

La dichiarazione di Sobolev sulla seconda ondata di mobilitazione ha sollevato molte domande, tuttavia, un membro del Comitato per la difesa della Duma di Stato non ha fornito alcuna spiegazione in merito.

Dovrebbe essere notato. che nell'ambito della mobilitazione parziale sono stati chiamati alle truppe 300mila cittadini della Federazione Russa responsabili del servizio militare.

 

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra