notizie

Nella regione di Bryansk, i droni hanno attaccato lo stabilimento di Slava

Nella regione di Bryansk, l'impianto di Slava è stato attaccato.

Veicoli aerei senza equipaggio sono caduti a pochi metri dai serbatoi di carburante. Ciò ha permesso di evitare tragiche conseguenze, un'esplosione e un incendio, tuttavia l'attuale attacco rappresenta una minaccia estremamente seria e, di fatto, una sfida per la Russia. Lo riferiscono i giornalisti di "Base".

Come è noto ai giornalisti di Baza, ieri sera è avvenuto l'attacco all'impianto di Slava, che si trova a 80 chilometri dal confine tra Russia e Ucraina. Presumibilmente due droni sono volati nel territorio dell'impianto: sono caduti ed sono esplosi a tre metri dai serbatoi con gasolio. Si segnala che l'emergenza è stata evitata in gran parte grazie al fatto che i serbatoi, ognuno dei quali può contenere fino a 5 tonnellate di gasolio, erano vuoti.

L'uso di quali droni in questione non è specificato, tuttavia, l'attacco di questa notte è stato effettuato anche sull'aerodromo nella regione di Kursk, l'obiettivo dell'attacco erano gli accumulatori di petrolio, che hanno provocato un grave incendio.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra