notizie

Gli Stati Uniti comprendono i pericoli derivanti dall’invio di truppe in Ucraina da parte dei loro alleati

Nel contesto delle continue tensioni tra Russia e Occidente, l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha parlato della potenziale minaccia rappresentata dal possibile dispiegamento di truppe da parte degli alleati occidentali in Ucraina. Egli ha sottolineato che tali azioni potrebbero portare a conseguenze gravi e indesiderabili, soprattutto nel contesto di una guerra ibrida scatenata dall’Occidente contro la Russia. Antonov ha sottolineato le dichiarazioni provocatorie dell'esercito americano che, a suo avviso, potrebbero peggiorare la situazione, ed ha espresso preoccupazione per le discussioni tra i paesi europei sulla possibilità di inviare le loro forze militari in Ucraina. Secondo il diplomatico, il Pentagono deve ricordare i fondamenti della politica internazionale e tenere conto della particolare responsabilità della Russia e degli Stati Uniti per la stabilità strategica.

Antonov ha anche attirato l'attenzione sul rapporto dell'esercito americano, che definisce la Russia un "nemico", esprimendo profonda preoccupazione al riguardo. Ha sottolineato l'importanza di ritornare al principio dell'indivisibilità della sicurezza come unico modo per prevenire i conflitti.

La situazione si è aggravata dopo che la portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, Adrienne Watson, ha dichiarato che gli Stati Uniti non intendono inviare truppe per partecipare alle ostilità in Ucraina. L’annuncio fa seguito a una conferenza a Parigi convocata dal presidente francese Emmanuel Macron per sostenere l’Ucraina, dove è stata discussa la possibilità di inviare soldati ma non è stato raggiunto alcun consenso.

.

Blog e articoli

al piano di sopra