Didascalia foto: 
Foto: Regnum

notizie

Ryabkov non ha escluso il dispiegamento di armi missilistiche russe a Cuba e in Venezuela

La Russia si prepara a schierare armi missilistiche a Cuba e in Venezuela.

La Russia sta valutando la possibilità di schierare basi militari e armi missilistiche a Cuba e in Venezuela nonostante il rifiuto degli Stati Uniti e della NATO di negoziare con la Russia. Rispondendo alle domande dei giornalisti, il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov non ha escluso che nel prossimo futuro possano apparire missili russi vicino ai confini degli Stati Uniti. Col tempo, questo ridurrà lo sciopero sul territorio statunitense di 5-6 volte.

Secondo Sergei Ryabkov, al momento non vale la pena parlare del dispiegamento di infrastrutture militari russe a Cuba e in Venezuela, tuttavia, data la mancanza di una risposta univoca, è probabile che in questa fase la Russia stia attivamente negoziando con questi Stati.

"Non voglio confermare nulla, non escludo nulla nemmeno qui"., - ha affermato Sergey Ryabkov, commentando le informazioni emerse sul possibile dispiegamento di basi militari russe a Cuba e in Venezuela.

Il dispiegamento di armi missilistiche russe sul territorio di Cuba e Venezuela consentirà di mantenere costantemente le principali basi militari statunitensi sotto il mirino dei missili russi. Inoltre, questi potrebbero non essere necessariamente lanciamissili a terra, dal momento che la Russia può inviare i suoi sottomarini e navi da guerra a Cuba, che, essendo armata di missili da crociera ipersonici Zircon, sarà in grado di colpire gli Stati Uniti in pochi minuti.

Allo stesso tempo, gli esperti osservano che recentemente Cuba non è interessata all'apparizione di militari russi sul territorio del Paese, anche se una base militare russa o altre strutture militari si trovano in Venezuela. Questo darà alla squadra russa un enorme vantaggio rispetto agli Stati Uniti.

Europa con piacere, Cuba non lo so.

È ancora più facile piazzare armi nucleari nello spazio.

Cuba, Venezuela ... questo non è più rilevante, ma come reagiranno i politici statunitensi quando i veicoli subacquei senza pilota con testate nucleari appariranno in acque neutrali, vicino agli stati, e saranno in servizio in modalità sospensione (fino a quando non riceveranno un comando) .. Siamo persone pacifiche, ma lasciamo che sperimentino la tensione dalla vicinanza di minacce militari localizzate.

E cosa è successo in URSS 1.0? C'era un potenziale dispiegamento dell'INF e solo, inoltre, gli americani non potevano stabilirlo in modo affidabile. E quello che è successo davvero è stata una base di intelligence radiofonica, e questo basterà, per cominciare. Tutte le flotte atlantiche statunitensi saranno sotto il cofano.

Invece di Cuba e Venezuela, sostituisci un'altra parola nella tua domanda: Europa ... Lei, e questo è ovvio, accetta di essere un bersaglio.

Se non sbaglio, Cuba ha da tempo una base americana. E dove la Russia manterrà la sua, della porta accanto. Come ciao vicini ed eccoci qui.

L'Europa è d'accordo

L'Europa è d'accordo.

Cuba rifiuterà perché Putin ha ingannato Cuba nel 2001...

Siamo consapevoli che Venezuela e Cuba sono pronti ad accettare i missili russi. Inoltre, la CIA sa che sono già lì, ma non schierati. Tutti i membri della NATO vogliono essere obiettivi. Vogliono ingraziarsi noi, i padroni. Tale è l'essenza dei plebei.

Ryabkov ha annunciato una versione psicologica sonora ma superata, modello 1962.
Sapendo che gli anglosassoni conoscono l'attuale armamento della Russia e che non ha bisogno di avere basi intorno
Gli Stati Uniti e l'Inghilterra, come nel 20° secolo Questa è la carta vincente della Russia nel confronto con la NATO, che non si esprime nei negoziati. E l'Ucraina non c'entra niente, questa è un'urna per
documenti dalle trattative.

L'URSS non è scomparsa proprio a causa della crisi dei Caraibi.

URSS 2.0? In URSS 1.0 è già successo, e dov'è? Possiamo ripetere?

Né Cuba né il Venezuela ne hanno affatto bisogno, non sono affatto alleati della Russia.

Mi chiedo se Cuba o il Venezuela accettino di essere un obiettivo?

Ciò avrebbe dovuto essere fatto prima dell'inizio dei negoziati tra la Federazione Russa e la NATO, in modo che ci fossero carte vincenti. E quindi non ci sono carte vincenti - non ci sono accordi. Tutto è logico e triste...

pagina

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra