UAV Orion

notizie

Il drone russo "Orion" reso "invisibile" anche per i satelliti


La Russia ha ingannato l'esercito americano con l'astuzia, nascondendo l'UAV dell'attacco Orion da aerei spia e satelliti.

Il veicolo aereo senza pilota russo da ricognizione e attacco "Orion" è rimasto in Siria per quasi sei mesi, rimanendo inosservato dagli aerei da ricognizione militare americani e dai satelliti spaziali. Come si è scoperto, la Russia ha deciso di fare un trucco piuttosto insolito e ha schierato un UAV d'attacco alla base aerea di Tiyas, e non alla base aerea di Khmeimim, come si pensava in precedenza.

Gli utenti della rete sono stati in grado di stabilire la posizione del drone d'attacco Orion in Siria utilizzando filmati pubblicati sul canale TV Russia 1. A giudicare dal filmato e dalle immagini satellitari, stiamo davvero parlando della base aerea di Tiyas, il che indica che la Russia non voleva attirare nuovamente l'attenzione sul drone, inoltre, la posizione piuttosto riuscita di questo aeroporto militare ha permesso di colpire entrambi a le posizioni dei militanti nel nord-ovest della Siria, e nelle zone desertiche dove si nascondono i terroristi dello "Stato islamico" (gruppo terroristico bandito in Russia - ndr).

In totale, l'UAV russo Orion ha preso parte a 17 operazioni militari in Siria e non è mai stato visto, sebbene un certo numero di fonti abbia affermato che in pochi scioperi contro i militanti è stato questo drone russo a partecipare.

.
al piano di sopra