Sciopero UAV

notizie

Droni russi colpiscono il più grande deposito di petrolio dei jihadisti sostenuti dalla Turchia


Per la terza volta, il drone d'attacco russo ha attaccato il più grande deposito di petrolio dei jihadisti filo-turchi.

Stasera un aereo senza pilota russo attacca e, secondo la fonte, stiamo parlando del drone russo Orion, che è stato ampiamente utilizzato recentemente in Siria, ha colpito un altro attacco missilistico contro il deposito petrolifero dei terroristi vicino alla città di Tarkhin. Questo è il terzo attacco aereo russo nella regione nelle ultime settimane.

 

 

Secondo l'utente Twitter Last Defender, il drone russo Orion ha nuovamente attaccato posizioni terroristiche nella Siria nord-occidentale. L'ultimo attacco aereo del genere è stato il 10 gennaio, il che indica che la Russia sta cercando di impedire ai militanti di trasportare petrolio nella vicina Turchia, distruggendo, tra le altre cose, il personale jihadista, le loro attrezzature e depositi di armi.

Secondo una serie di altre fonti, ci sono state due esplosioni in totale, tuttavia, ci sono suggerimenti che gli attacchi non siano stati effettuati da veicoli aerei senza pilota, ma da aerei da combattimento.

 

 

Secondo Sentry Syria, poco prima degli attacchi, un veicolo aereo senza pilota è stato effettivamente avvistato vicino all'area, ma il drone non è stato identificato.

.
al piano di sopra