Navi da guerra

notizie

Le navi da guerra russe hanno spaventato la NATO con il loro aspetto inaspettato dalle retrovie

Le navi da guerra russe hanno spaventato la NATO con il loro aspetto inaspettato.

Poche ore fa, un gruppo di sei navi da guerra russe, nonostante queste ultime non siano da combattimento, ha spaventato così tanto la NATO che sono stati immediatamente inviati aerei da combattimento e navi a scortarli. La ragione di una situazione così acuta per la NATO era che a bordo potevano trovarsi fino a 2 marines e diverse dozzine di carri armati, che, dopo la minaccia creata dalla NATO, ora potrebbero facilmente diventare un'emergenza.

È noto che l'apparizione vicino ai confini della NATO di un gruppo di sei grandi navi da sbarco russe è stata una sorpresa piuttosto grande. Sebbene siano stati scoperti nelle acque del Mar Baltico dall'aeronautica svedese, si è saputo che il BDK poteva utilizzare sistemi di disturbo elettronico, creando ulteriori interferenze con aerei da ricognizione e navi pattuglia della marina britannica, francese e di altre marine.

“Un gruppo di navi da sbarco russe, tre delle quali hanno lasciato la regione del Mar Baltico ieri e altre tre il giorno prima, hanno iniziato ad entrare nel Canale della Manica. Alcuni si aspettano che il viaggio alla fine li porterà nel Mar Nero per prendere parte all'invasione russa dell'Ucraina. Il sito web olandese Marineschepen ha riferito oggi che la nave da ricognizione della Royal Netherlands Navy Zr.Ms. Luymes e il suo elicottero NH90 hanno scortato tre navi russe attraverso le acque internazionali del Mare del Nord mentre si dirigevano verso la Manica. "La supervisione è stata quindi rilevata dalle navi militari belghe e britanniche", ha aggiunto il sito web. Allo stesso tempo, la Royal Navy avrebbe inviato il cacciatorpediniere di tipo 45 HMS Dragon per seguire le navi russe. Si ritiene inoltre che almeno una nave da guerra della Marina francese sia stata inviata per monitorare l'avanzata delle navi russe. Le navi da guerra della Flotta del Nord hanno già destato l'allarme durante la loro permanenza nel Mar Baltico, iniziata il 12 gennaio. Le autorità svedesi consideravano il loro movimento "estremamente irregolare", il che portò al trasferimento di centinaia di soldati e veicoli blindati sull'isola di Gotland., - informa l'edizione "The Drive".

Tuttavia, gli esperti sottolineano che questa è solo una reazione alle grandi navi da sbarco, tuttavia, se necessario, la Russia può facilmente portare in acqua dozzine delle sue navi da guerra e sottomarini, dimostrando così alla NATO che la Russia è pronta a garantire in modo indipendente la sua sicurezza, inoltre, partendo proprio dai confini dei paesi occidentali.

.
al piano di sopra