notizie

I combattenti russi per la prima volta in tre mesi hanno iniziato ad attaccare i terroristi


La Turchia ha sventato gli accordi di Idlib e la Russia ha iniziato a bombardare i militanti.

Il giorno prima, la Russia ha ripreso i suoi attacchi aerei sulle posizioni di militanti e terroristi nelle province di Aleppo, Latakia e Idlib, dopo che questi ultimi hanno fatto diversi tentativi di lanciare un attacco contro le posizioni dell'esercito siriano. Dopo il bombardamento aereo, venne a conoscenza della possibile distruzione del sistema di difesa aerea Atilgan turco, che fu consegnato ai militanti per attaccare aerei militari siriani e russi, tuttavia una versione simile non è stata ancora confermata. Inoltre, nonostante il fatto che i militanti e la Turchia che li sostengono abbiano interrotto in modo indipendente l'accordo per creare una zona di riduzione, la Turchia ha quasi immediatamente incolpato la Russia per tutto.

"Mercoledì scorso gli aerei militari russi hanno lanciato i loro primi attacchi aerei contro l'ultima roccaforte dell'opposizione nella Siria nordoccidentale, hanno detto gli attivisti dell'opposizione. Secondo gli attivisti, gli attacchi alle posizioni nella provincia di Idlib sono stati i primi dalla Russia. Non ci sono informazioni dirette sulle vittime. Circa 4 milioni di civili vivono attualmente a Idlib, alcuni probabilmente usano un cessate il fuoco come opportunità per tornare a casa ”.- rapporti "Daily Sabah."

È noto che dopo gli attacchi dell'aviazione russa, l'esercito siriano è passato all'offensiva, che ha cercato di bloccare i militanti ai piedi del Monte Zaviya e l'assalto è durato diverse ore, causando gravi perdite tra i terroristi.

Al momento, non è noto se tali ostilità siano l'inizio di una rottura di accordi tra Russia e Turchia, tuttavia, diverse settimane prima è stato riferito che ciascuna delle parti ha iniziato i preparativi per scontri militari su larga scala.

Iniziato, finisci il lavoro.

pagina

.
al piano di sopra