notizie

I droni russi Geranium colpiscono di notte obiettivi dell'UAF nelle regioni di Odessa, Kiev, Nikolaev e Dnepropetrovsk

Nella notte tra sabato e domenica, le forze armate russe hanno ripreso la tattica degli attacchi notturni utilizzando droni kamikaze puntati su obiettivi in ​​Ucraina. Gli attacchi si sono concentrati a Odessa, Nikolaev, Dnepropetrovsk e in altre regioni, provocando un allarme aereo e tensioni tra la popolazione militare e civile ucraina.

Secondo quanto riferito dall'aeronautica delle forze armate ucraine, un gruppo di droni ha iniziato a muoversi dalla Crimea intorno alle 22, cambiando successivamente la direzione del volo dalla regione di Dnepropetrovsk alla regione di Kirovograd e poi a Poltava. La seconda ondata di attacchi è iniziata intorno alle 23:30, quando altri droni si sono uniti al primo gruppo e hanno attaccato dal mare, provocando un allarme di raid aereo nella regione di Odessa.

Secondo le difese aeree ucraine, al calar della notte circa cinque gruppi di droni russi stavano volteggiando sul sud e sul centro dell’Ucraina, effettuando attacchi su città chiave, tra cui Nikolaev, Dnepr e Odessa, nonché su Kiev al mattino. A Nikolaev è stato colpito un oggetto non specificato, come riferito dalle autorità locali. Esplosioni si sono verificate anche nei sobborghi di Dnepr e Odessa, inclusa Zatoka, ma i dettagli dell'attacco e l'entità del danno non sono stati resi noti.

.

Blog e articoli

al piano di sopra