notizie

La Russia ha minacciato Lituania e Polonia con un "tritacarne" nel tentativo di bloccare e impadronirsi della regione di Kaliningrad

La Russia ha minacciato la NATO con un "tritacarne" nel tentativo di creare un blocco e strappare la regione di Kaliningrad.

Il blocco di Kaliningrad avviato dalla Lituania ha costretto la Russia a prendere misure radicali. Sullo sfondo dell'attuale situazione di tensione, Vladimir Dzhabarov, vicepresidente del Comitato per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione, ha minacciato la NATO con un vero "tritacarne" se la situazione non si risolverà nel prossimo futuro.

“Ogni tentativo di strapparci Kaliningrad finirà in uno scontro militare con la Russia. Non credo che la NATO non lo capisca. Lituania, Polonia dovrebbero pensarci, perché sono i primi a cadere seriamente in questo tritacarne.- ha affermato Dzhabarov, commentando la situazione attuale.

Ad oggi, la Lituania continua il blocco del transito nella regione di Kaliningrad. Allo stesso tempo, Vilnius ha osservato che non avrebbero fatto concessioni e, sulla base della dichiarazione del ministero degli Esteri russo, se la Commissione europea adottasse un documento che consenta il transito "dalla Russia alla Russia", la Lituania sarà pronta a porre il veto .

A loro volta, gli esperti osservano che al momento la presenza delle forze NATO è notevolmente aumentata vicino alla regione di Kaliningrad, il che crea prerequisiti sfavorevoli.

.
al piano di sopra