Esercito turco in Siria

notizie

La Russia ha lanciato un ultimatum a Erdogan sulla Siria


Erdogan dovrà lasciare la Siria pacificamente o subire gravi perdite a causa degli scontri con l'esercito russo.

In effetti, l'inizio dell'assalto alla parte meridionale della provincia siriana di Idlib indica il fatto che al presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stata data una condizione a un ritiro senza compromessi delle sue truppe dal territorio della Repubblica araba, poiché altrimenti il Gli eserciti russo e siriano inizieranno presto a prendere d'assalto le aree attualmente controllate dall'esercito turco. Informazioni in merito sono fornite dalla pubblicazione "Al Monitor".

Dall'inizio di settembre almeno tre soldati turchi sono morti nella provincia siriana di Idlib, quest'ultimo potrebbe essere stato attaccato dai curdi siriani. Secondo altre informazioni non ufficiali, dall'inizio del mese, le perdite dell'esercito turco nella provincia di Idlib ammontano già ad almeno 7 persone, per non parlare dei militari feriti, e alcune delle perdite sono legate allo sgombero dell'area dai militari siriani e russi.

“Il fallimento della Turchia a Idlib nel riaprire l'autostrada M4 ed espandere il perimetro di sicurezza intorno alla città, come richiesto dall'accordo con la Russia, ha aumentato la pressione russa su Ankara, che si rende conto che le sue possibilità di successo in Siria stanno diminuendo. Idlib è stata sicuramente sotto i riflettori quando il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto Assad a Mosca il 14 settembre, ha riferito Tastekin. "Putin ha detto durante l'incontro che il problema principale in Siria oggi è la presenza di forze straniere senza permesso o mandato delle Nazioni Unite - riferimento a Turchia e Stati Uniti". Erdogan ha caldo e potrebbe voler esplorare il riavvicinamento con Damasco, che Putin spinge da anni. "La volontà di Ankara di aprire un canale di comunicazione con Damasco, pur continuando a sostenere i gruppi di opposizione, riflette il suo desiderio di una cooperazione limitata, contro il desiderio di autonomia dei curdi", scrive Tastekin. "È improbabile che una politica così controversa possa impressionare Damasco" "- rapporti edizione "Al Monitor".

Al momento, la Turchia è già stretta in una morsa, poiché il confronto con la Russia potrebbe comportare perdite colossali per Ankara in Siria, mentre il ritiro dell'esercito turco da Idlib indebolirebbe notevolmente la posizione della Turchia nella regione.

Chissà se ci sono paesi nel mondo che ascoltano quello che dice l'ONU?

Il governo che è salito al potere non attraverso elezioni popolari, ma attraverso varie rivoluzioni e colpi di stato non è legittimo. E l'ONU non ha il diritto di dettare a nessun popolo con quale governo convivere e lo status di dittatore può essere "attaccato" se lo si desidera a chiunque! (Guarda almeno Wikipedia su cosa sia una dittatura), quindi solo la Russia ha il diritto di stare in Siria (che l'ONU lo voglia o no, e in caso contrario, lascia che prima rivedano le loro norme di diritto internazionale e accettino gli altri e poi dica ) E da Secondo lei, in conclusione, Stati Uniti e Turchia sono paesi liberatori? Ora, se non ci fosse un paese come gli Stati Uniti, non ci sarebbero molti problemi nel mondo!

Suleiman, non conosci affatto la domanda. Il regime di Assad, come lo chiami tu, esisteva in Siria anche prima dell'arrivo dell'IS. e poi si addiceva a tutti ed era riconosciuto dalla comunità mondiale. Ma dopo il tentativo fallito della "comunità mondiale", con l'aiuto dell'IS, di rovesciare il governo legittimo nella persona di Bashir Assad, questa stessa "comunità" ha urlato contro la sua illegittimità e tirannia.

L'ONU e la comunità mondiale non riconoscono il regime dittatoriale di Assad. Pertanto, è la presenza della Russia sul suolo siriano ad essere illegale, e il riferimento al fatto che il governo siriano abbia invitato la Russia è assurdo. Perché questo stesso governo non è legittimo. Il fatto che la Russia abbia sempre sostenuto i regimi dittatoriali nel mondo non gli fa onore. E la Russia non entrerà mai in guerra con la Turchia, perché i suoi leader non sono armeni. Sono più intelligenti.

La Turchia sta causando l'escalation a Idlib. La Turchia è illegalmente in Siria e i russi chiedono alla Turchia di uscire dalla Siria il prima possibile

Rum, più o meno negli stessi discorsi in Europa, puoi trasmettere sulla Russia dopo la Crimea, frugando sulla mappa nei contorni dell'ex URSS - e questo sarà molto più convincente di te sui turchi) Qualcosa del genere ...

Dai un'occhiata alla mappa del Grande Impero Ottomano. Allora le ambizioni di Erdogan non ti sembreranno così fantastiche.

Non hanno niente da fare lì! Nessuno ha invitato i turchi lì! Dominano aggressivamente e senza limiti un paese straniero, senza alcun diritto di farlo!

pagina

.
al piano di sopra