notizie

La Russia ha radicalmente cambiato il concetto di attacchi nucleari: ora tutti i paesi sono sotto tiro


La Russia ha radicalmente cambiato il concetto di attacco nucleare contro potenziali avversari.

Tra il crescente confronto tra Russia e NATO, è diventato noto che Mosca ha radicalmente cambiato il concetto di sferrare un attacco nucleare contro un potenziale nemico. Secondo i dati presentati, ora qualsiasi missile balistico che vola in direzione della Russia è un'occasione per un attacco nucleare istantaneo.

“La Russia può lanciare un attacco nucleare di ritorsione se un missile balistico viene lanciato nella direzione del nostro paese. Non importa quale testata nucleare sia installata su di essa - nucleare o convenzionale. Tali standard sono contenuti nel nuovo Framework for State Policy on Nuclear Deterrence. Erano una risposta ai trucchi degli Stati Uniti nel campo delle armi. Martedì, il presidente russo Vladimir Putin ha approvato il quadro politico per la deterrenza nucleare. Tra le minacce esplicitate nel documento, si fa menzione dello spiegamento da parte di paesi che considerano la Russia un possibile avversario, difesa missilistica (difesa missilistica), missili balistici, armi ipersoniche ”- riporta la pubblicazione "Sight".

Va chiarito che in precedenza solo l'aggressione diretta era considerata un'occasione per un attacco nucleare di ritorsione, ovvero un attacco diretto da parte del nemico, tuttavia, ovviamente, la Russia ha deciso di cambiare il suo approccio e di fornire un attacco preventivo a un potenziale nemico.

Gli esperti non escludono che il nuovo concetto sia anche un'occasione per esercitare pressioni sugli Stati Uniti nel quadro del Trattato sulle armi offensive strategiche (START-3), dal quale Washington quasi certamente tenterà di uscire.

.
al piano di sopra