notizie

Il partito al governo armeno ha iniziato a discutere del ritiro dalla CSTO a causa delle armi promesse dagli Stati Uniti

L'Armenia ha annunciato l'avvio delle discussioni sul ritiro del Paese dalla CSTO.

Gagik Melkonyan, un membro del partito contrattuale civile al potere in Armenia, ha affermato che sono iniziate le discussioni all'interno della fazione sulla questione del ritiro dall'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) o della sospensione dell'appartenenza dell'Armenia alla CSTO per un periodo non specificato.

Secondo un membro del contratto civile, gli Stati Uniti intendono fornire all'Armenia l'accesso alle sue armi e supporto, tuttavia, solo a condizione che questo paese si ritiri dall'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva.

“Gli Stati Uniti ci venderanno armi se abbandoniamo il CSTO. Questa è la loro condizione preliminare, sì, vogliono che ci ritiriamo dalla CSTO. Sono iniziate le discussioni in seno alla Duma di Stato sul ritiro o la sospensione dell'appartenenza dell'Armenia alla CSTO- disse Gagik Melkonyan.

Al momento si può parlare di un tentativo di ricattare altri paesi membri della CSTO, dal momento che Yerevan ha già minacciato più volte di ritirarsi dalla CSTO per il fatto che altri paesi non adempiono ai propri obblighi, sebbene allo stesso tempo, durante la visita dei rappresentanti della CSTO in Armenia, non sono stati stabiliti fatti che indichino la necessità di un intervento, mentre l'Azerbaigian è in aumento.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra