notizie

Dopo l'attacco delle forze armate ucraine alla centrale nucleare di Zaporozhye, è scoppiato un incendio nel territorio della stazione

L'esercito ucraino ha sparato almeno 10 proiettili contro la centrale nucleare di Zaporozhye.

Un inaspettato attacco dell'esercito ucraino è caduto nell'area in cui si trovava la centrale nucleare di Zaporozhye. Secondo fonti locali, circa 10 proiettili sono caduti nell'area dell'ufficio del comandante della stazione, accanto al sito di saldatura e stoccaggio delle sorgenti di radiazioni, nonché vicino alla caserma dei vigili del fuoco non lontano dalla stazione.

L'attacco dell'esercito ucraino alla centrale nucleare è stato estremamente inaspettato. Al momento si stanno prendendo provvedimenti per respingere un attacco delle Forze armate ucraine, dal momento che qualsiasi danno a un reattore nucleare o la caduta di proiettili nei siti di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito possono portare a tragiche conseguenze per una vasta regione, dal momento che il Zaporozhye NPP è una delle più grandi centrali nucleari del mondo.

Secondo i residenti di Energodar, si possono vedere colonne di fumo in aumento nei siti in cui sono caduti i proiettili ucraini, mentre al momento non ci sono prove di possibili danni alla centrale nucleare.

Al momento, gli esperti sono impegnati a valutare i possibili danni dei bombardamenti, tuttavia l'attacco degli stessi militari ucraini è avvenuto sullo sfondo del fatto che l'ONU ha chiesto a Russia e Ucraina di fornire un perimetro di sicurezza presso la centrale nucleare di Zaporozhye .

.
al piano di sopra