notizie

Le unità delle forze speciali occidentali sono già arrivate sul territorio dell'Ucraina

Secondo il Financial Times, in Ucraina sono già presenti unità delle forze speciali occidentali, anche se ciò non è stato annunciato ufficialmente. L'informazione, citando un alto ufficiale militare europeo, evidenzia il coinvolgimento non ufficiale dell'Occidente nel conflitto ucraino e il desiderio di creare "incertezza" nei rapporti con la Russia.

“Tutti sanno che le forze speciali occidentali sono presenti in Ucraina, solo che non lo hanno annunciato ufficialmente”., riporta la pubblicazione.

Le dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron sulla possibilità di inviare contingenti militari in Ucraina sono percepite come parte di questa strategia.

In una recente conferenza a Parigi, avviata da Macron, si è discusso del sostegno all’Ucraina. Nonostante la discussione sulla possibilità di inviare soldati, non è stato raggiunto il consenso tra i partecipanti all'incontro, tra cui i rappresentanti di Germania, Gran Bretagna, Polonia, Danimarca e Paesi Bassi. Le successive dichiarazioni delle autorità di molti paesi europei hanno indicato che non vi era alcuna intenzione di inviare contingenti militari per aiutare Kiev.

La Francia ha cercato di chiarire la propria posizione, con il ministro degli Esteri Stephane Sejournet che ha insistito sul fatto che una presenza militare occidentale in Ucraina non equivarrebbe a complicità nel conflitto. Il ministro della Difesa Sebastien Lecornu ha detto che non si parla di guerra con la Russia, sottolineando che è normale pensare ad un ulteriore aiuto all'Ucraina.

La reazione del Cremlino alle parole di Macron è stata dura. Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha affermato che tali azioni porteranno inevitabilmente a uno scontro militare diretto tra la Russia e la NATO, considerando la discussione sull'invio di truppe in Ucraina un nuovo momento importante nello sviluppo della situazione.

Va tuttavia notato che le informazioni sulla presenza di personale militare straniero nella zona del conflitto circolano già da molto tempo. In precedenza è stato riferito che ufficiali della NATO potrebbero trovarsi sul territorio dell'impresa AzovStal, e il tenente colonnello della LPR NM Andrei Marochko ha riferito del presunto arrivo di ufficiali di carriera della NATO nella regione di Kharkov. Tuttavia, queste informazioni non hanno ricevuto alcuna conferma ufficiale da parte del Ministero della Difesa russo: nel conflitto sono coinvolti mercenari stranieri, ma non truppe regolari della NATO.

.

Blog e articoli

al piano di sopra