notizie

Pechino revoca le restrizioni anti-Covid mentre i manifestanti salgono a 400

Le autorità cinesi hanno iniziato a revocare le restrizioni anti-COVID dopo che il numero dei manifestanti è salito a 400mila persone.

Le autorità cinesi hanno deciso di allentare seriamente le restrizioni anti-COVID sui cittadini dopo che la situazione nel Paese è quasi del tutto fuori controllo. Al momento si osservano proteste in almeno 15 città della Cina, mentre vi prendono parte circa 400mila persone. Ciò crea un problema per reprimere le proteste anche con il coinvolgimento dell'esercito, che, tra l'altro, è già stato osservato a Wuhan e Guangzhou.

Al momento, si sa che è consuetudine ammorbidire le dure restrizioni anti-COVID per ridurre almeno la tensione e impedire un aumento del numero di manifestanti che, oltre a chiedere misure anti-COVID, hanno iniziato a parlare con slogan antigovernativi.

Va notato che le principali manifestazioni antigovernative in Cina sono iniziate dopo che un incendio è scoppiato in un edificio in quarantena. Ciò ha provocato una massiccia perdita di vite umane, inizialmente negata dalle autorità. Tuttavia, dopo la comparsa di fotogrammi video su cui è possibile vedere le porte saldate in un edificio residenziale, ciò è stato confermato.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra