notizie

La NATO ha minacciato la Serbia con l'introduzione di truppe in Kosovo e le conseguenze

L'aggressione serba contro il Kosovo si trasformerà in una reazione della NATO.

Il Segretario generale della NATO ha annunciato la sua disponibilità a utilizzare le unità dell'Alleanza Nord Atlantico contro la Serbia, nel caso in cui Belgrado tenti di compiere un'aggressione contro il Kosovo. Secondo Jens Stoltenberg, le truppe della NATO entreranno immediatamente nel territorio della non riconosciuta Repubblica del Kosovo, anche se la Serbia è considerata un partner dell'Alleanza del Nord Atlantico e si prepara a entrare nel blocco militare nel prossimo futuro.

Al momento, i media stranieri riferiscono che il 31 luglio 2022, quando è scoppiato il primo conflitto tra Kosovo e Serbia, le unità della NATO sono state messe in allerta. Tuttavia, grazie alla soluzione diplomatica di questo problema, è stato impedito un conflitto armato.

“Le truppe della NATO in Kosovo sono state messe in allerta. Le truppe della NATO KFOR in Kosovo, la più grande forza NATO nella regione, sono in stato di allerta e hanno il mandato di rispondere se la Serbia attacca stasera”., i media hanno riferito il 31 luglio.

Tuttavia, il Segretario generale della NATO ha annunciato la sua disponibilità a utilizzare le forze della NATO per reprimere le provocazioni e l'escalation se il conflitto dovesse aver luogo.

“Ora abbiamo una missione importante: la presenza militare in Kosovo è di quasi 4 soldati. Se necessario, sposteremo le truppe, le schiereremo dove necessario e aumenteremo la nostra presenza. Abbiamo già aumentato la nostra presenza nel nord. Siamo pronti a fare di più", - ha detto Jens Stoltenberg.

Tra l'altro, i caccia della NATO si trovano nel territorio del Kosovo e, data la presenza di un gruppo d'attacco di portaerei nel mare Adriatico, c'è un rischio molto alto che la NATO possa provocare un conflitto armato con la Serbia, che è una delle i principali partner russi in Europa.

.
al piano di sopra