Carri armati e Putin

notizie

Le armi dell'esercito nazionale libico sono apparse misteriose carri armati sovietici T-62: sono completamente nuove. video


In servizio con l'esercito di Haftar, furono notati i nuovi carri armati T-62 - non furono prodotti per 45 anni.

Il supporto attivo dell'esercito nazionale libico da parte di paesi come la Cina, gli Emirati Arabi Uniti, l'Egitto e la Russia, gli consente di affrontare con successo la Turchia e le forze del governo di accordo nazionale della Libia. Fino a poco tempo fa, si riteneva che la base delle forze corazzate di Haftar fosse già usurata e avariata da veicoli da combattimento, tuttavia, uno dei video registrava carri armati T-62 completamente nuovi, la cui produzione era cessata 45 anni fa.

“Ora il sessantaduesimo sembra diventare il principale. Tale conclusione può essere fatta leggendo i materiali video dell'ufficio informazioni LNA. Sabato scorso, Haftar ha effettuato ispezioni nei luoghi delle sue unità. Ha visitato una delle unità in cui sono stati presentati i carri armati. In totale, puoi contare venti macchine nel video. Tre di questi sono T-55, sedici T-62 e solo un T-72 "- rapporti Pubblicazione di informazioni russe "Armi russe".

Gli esperti attirano l'attenzione sul fatto che nessuno dei carri armati ha segni di identificazione, inoltre, alcuni dei veicoli da combattimento (dipinti con vernice verde scuro) sono già chiaramente riusciti ad andare in battaglia, mentre l'altra parte dei veicoli da combattimento (dipinta in una leggera tonalità di verde - Ed.) È stato chiaramente rimosso dalla memoria. Dato che solo la Russia e l'Egitto hanno tali carri armati dai paesi partner di Haftar, è probabile che una di queste parti potrebbe effettivamente riarmare l'esercito nazionale libico. È possibile che solo una parte dei nuovi carri armati si trovi sul campo di parata, poiché è improbabile che così tanti veicoli blindati cambino l'equilibrio di potere in Libia a favore di Haftar.

Va chiarito che i carri armati T-62 si sono affermati con successo in Libia, creando una minaccia per veicoli da combattimento ancora più moderni.

.
al piano di sopra