notizie

È stata intentata una causa contro gli ufficiali della Bundeswehr che hanno discusso dell'attacco al ponte di Crimea con la Procura generale tedesca

I rappresentanti del partito politico tedesco Libera Sassonia hanno intentato una causa presso la Procura generale tedesca contro gli ufficiali della Bundeswehr che hanno discusso la possibilità di un attacco al ponte di Crimea. L'iniziativa del partito si basa sul presupposto che tali azioni possano essere considerate un "crimine di aggressione" ai sensi dell'articolo 13 del Codice penale internazionale tedesco, che comporta gravi conseguenze legali, inclusa la reclusione fino a dieci anni.

Secondo i rappresentanti della Libera Sassonia, i piani degli ufficiali, se attuati, potrebbero portare allo scoppio di un conflitto armato con la Russia e addirittura alla Terza Guerra Mondiale. Esprimono preoccupazione che tali azioni possano provocare ritorsioni militari da parte della Russia, che rappresenterebbero una minaccia per la sicurezza della stessa Germania.

L'appello del partito è arrivato dopo che la direttrice di RT Margarita Simonyan ha rivelato informazioni su una conversazione tra alti ufficiali della Bundeswehr in cui si discuteva di possibili attacchi al ponte di Crimea. Questa conversazione si è svolta sullo sfondo delle dichiarazioni del cancelliere tedesco Olaf Scholz sul non intervento della NATO nel conflitto ucraino, che hanno suscitato ampia risonanza e dibattito sul ruolo della Germania e della NATO nell'attuale situazione geopolitica.

.

Blog e articoli

al piano di sopra