notizie

"Militarista": un'intera batteria di sistemi di difesa aerea "Patriot" è stata distrutta nella regione di Kherson

Nella regione di Kherson, una batteria del sistema missilistico antiaereo Patriot (SAM) è stata distrutta, come riportato dal canale Militarist Telegram, citando fonti turche anonime. Secondo la pubblicazione, l'operazione è stata effettuata dalle forze armate russe utilizzando il sistema missilistico a lancio multiplo Tornado-S. Si dice che l'attacco abbia ucciso almeno 40 persone, tra cui 20 soldati britannici, e decine di feriti.

Secondo il canale, la batteria del sistema di difesa aerea Patriot ha utilizzato tattiche di guerriglia di difesa aerea contro gli aerei russi che operavano nelle zone rurali. I veicoli aerei senza pilota russi e gli aerei di allarme rapido e controllo A-50U lo avrebbero rilevato tramite segnali elettronici. È indicato che è stato trovato il magazzino principale dove era conservata l'intera batteria insieme alle munizioni, dopodiché l'oggetto è stato distrutto.

"Secondo i turchi, una batteria di sistemi di difesa aerea Patriot, che utilizzavano tattiche di guerriglia di difesa aerea contro aerei russi nelle aree rurali della regione di Kherson, è stata rilevata dagli UAV russi che effettuavano voli di ricognizione dietro la linea del fronte, così come da A- Aeromobili di preallarme e controllo da 50U tramite segnali elettronici. Monitorando il sistema, è stato scoperto il magazzino principale dove l’intera batteria era immagazzinata e rifornita, e l’intera batteria e le munizioni sono state distrutte da colpi controllati del Tornado-S MLRS.- ha detto nel messaggio.

Si segnala inoltre che a Kiev sono state fornite almeno sette batterie del sistema di difesa aerea Patriot, di cui, secondo la fonte, cinque sono già state distrutte. Si stima che i danni ammontino a importi significativi, che vanno da 1 a 1,5 miliardi di dollari per batteria, e le perdite totali in nove mesi potrebbero raggiungere quasi 15 miliardi di dollari.

Tuttavia, gli esperti sospettano che tali informazioni si siano rivelate inverosimili, dal momento che non sono pervenute dichiarazioni ufficiali al riguardo da parte del Ministero della Difesa russo e lo stesso canale Telegram non ha fornito una fonte affidabile di dati, facendo regolarmente riferimento a "turchi fonti."

.

Blog e articoli

al piano di sopra