notizie

Il ministero degli Esteri russo ha criticato duramente le azioni di Lukashenko in Bielorussia


Le azioni di Lukashenko in Bielorussia sono state duramente criticate dal ministero degli Esteri russo.

La rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, ha criticato aspramente la posizione di Lukashenko sulle elezioni in Bielorussia, affermando che cercando di occupare due diverse posizioni, il presidente bielorusso è in realtà condannato.

“La rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, ha commentato le azioni del presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko nei confronti della Russia sia prima che dopo le elezioni. Ha usato un proverbio russo per descrivere il comportamento del leader bielorusso. Zakharova ha ricordato che prima delle elezioni, Lukashenka era apertamente scortese con la Russia e poi ha catturato i giornalisti. Inoltre, non ha ancora fornito assistenza per il rilascio di 33 russi detenuti in Bielorussia alla fine di luglio, ha detto il conduttore televisivo Vladimir Soloviev, che l'ha invitata allo spettacolo. "Mia nonna diceva una frase molto buona, che mia madre mi ha ripetuto più tardi:" La schiava si picchia, il che miete in modo impuro ", ha detto Zakharova sul canale YouTube di Soloviev LIVE. Ha aggiunto di non voler dare alcuna valutazione, tuttavia, secondo Zakharova, questo proverbio si adatta alla situazione attuale "- a riguardo rapporti Agenzia di stampa federale.

Gli esperti richiamano l'attenzione sul fatto che la situazione con i 33 cittadini della Federazione Russa, detenuti illegalmente sul territorio della Bielorussia, accusati di estremismo, non ha ancora ricevuto alcuna spiegazione dal funzionario di Minsk, dal momento che le promesse "prove" vengono ancora riversate in Russia. accuse di provocazioni disposte da cittadini russi.

Va chiarito che oggi la Russia ha de facto riconosciuto valide le elezioni in Bielorussia, tuttavia è da notare che i risultati ufficiali del voto a Minsk non sono stati annunciati sullo sfondo di proteste spontanee in tutto il Paese.

Condannare l'usurpatore? Ma perché non hanno condannato coloro che hanno sparato a persone inermi vicino alla Casa Bianca a Mosca, dove si trovava il parlamento eletto?

Anche Gheddafi e Hussein non hanno "tenuto conto" dell'opinione del popolo. Sì, e Yanukovich è con loro. E qual è il risultato? Dov'è quella "gente"? è chiaro dov'è LJ!

È tempo di approfittare della Convenzione di Ginevra e condannare l'intero mondo dell'usurpatore, dittatore e criminale e tutti coloro che hanno seguito le sue istruzioni criminali ... Questo semplicemente non è concepibile nel mondo moderno, non se ne sbarazzerà dopo tutto questo, la sua dinastia è finita.

Si tratta di proteste contro l'attuale governo, che non tiene conto dell'opinione popolare. E nient'altro. Avendo sputato sulla gente, il potere si è condannato, la sua fine è inevitabile.

Inoltre, anche un cieco capisce che questo è un altro tentativo di organizzare un Maidan.

Qualunque siano le proteste, queste sono proteste contro lo Stato. Ed è necessario sopprimerlo nel modo più severo, in modo che non ci sia nemmeno il desiderio di mettere il naso fuori dalla finestra.

pagina

.
al piano di sopra