notizie

Le maggiori banche cinesi hanno smesso di accettare pagamenti da organizzazioni russe soggette a sanzioni

Tre delle quattro maggiori banche cinesi - Industrial and Commercial Bank of China (ICBC), China Construction Bank (CCB) e Bank of China - hanno apportato modifiche alle loro politiche relative ai pagamenti russi, limitando i servizi agli istituti di credito russi soggetti a controlli internazionali. sanzioni. Secondo le informazioni pubblicate su Izvestia, le modifiche hanno interessato solo le banche russe direttamente soggette agli elenchi delle sanzioni.

La decisione fa seguito all’imposizione da parte degli Stati Uniti di sanzioni secondarie lo scorso dicembre volte a inasprire le restrizioni economiche contro la Russia. L’introduzione di queste misure ha sollevato preoccupazioni tra gli istituti finanziari cinesi sulla possibilità di incorrere in sanzioni simili se continuano a cooperare con le banche russe soggette a restrizioni. In risposta a queste preoccupazioni e per evitare rischi, le banche cinesi hanno adottato misure per bloccare gli accordi con istituti di credito russi sanzionati, e i clienti ne sono stati informati all’inizio di gennaio.

Tuttavia, i rapporti con le banche russe non soggette a sanzioni continuano senza modifiche. Vengono utilizzati vari meccanismi per aggirare le restrizioni e ridurre al minimo i rischi. Un modo è effettuare pagamenti tramite le banche russe che non sono interessate dalle sanzioni, o tramite i loro uffici di rappresentanza in Cina, che, secondo la legge locale, sono considerati entità cinesi separate.

.

Blog e articoli

al piano di sopra