notizie

La Cina ha chiamato l'esercito per sopprimere le proteste antigovernative su larga scala

L'esercito cinese ha iniziato a bloccare le proteste nelle maggiori città cinesi.

Colonne di equipaggiamento militare del PLA sono state viste contemporaneamente in diverse grandi città della Cina. Secondo fonti locali, Pechino ha deciso di sopprimere le proteste antigovernative e contro le dure misure anti-COVID con il coinvolgimento dell'esercito, temendo di perdere completamente il controllo della situazione.

A causa del blocco dell'accesso a Internet, è molto problematico ottenere qualsiasi informazione dal campo. Tuttavia, i giornalisti di Avia.pro hanno a loro disposizione riprese video che mostrano come l'equipaggiamento militare cinese entra nelle città dove si osservano marce di protesta della popolazione. Le riprese video mostrano veicoli blindati cinesi che si muovono attraverso la città di Xuzhou verso Shanghai, dove ci sono anche proteste molto forti.

Ad oggi, le proteste più grandi si osservano a Wuhan - solo qui il numero di manifestanti è stimato in 50-60mila persone. Tuttavia, oltre a questo, si osservano proteste in altre 11 città della Cina. Questo, stimato, indica che il numero dei manifestanti raggiunge le 200-300mila persone.

Pechino non ha ancora commentato ufficialmente la situazione con le proteste nel Paese, tuttavia le più acute proteste antigovernative si osservano a Shanghai, dove si chiede, tra l'altro, il rovesciamento illegale del Partito Comunista Cinese.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra