notizie

Kiev chiede a Biden di consentire attacchi missilistici dell'ATACMS sulle regioni di confine russe

I funzionari ucraini stanno compiendo nuovi sforzi per convincere l’amministrazione Biden a revocare il divieto sull’uso di armi americane per colpire la Russia. Affermano che la politica attuale limita le capacità di attacco dell’Ucraina, soprattutto nel periodo che precede una grande offensiva su Kharkov. Un gruppo di parlamentari ucraini si trova a Washington questa settimana per cercare il sostegno del Congresso sulla questione.

“Il problema principale ora è la politica della Casa Bianca che limita la nostra capacità di colpire obiettivi militari all’interno della Russia”., ha detto David Arakhamia, presidente del partito al potere Il Servo del popolo nel parlamento ucraino, durante una visita a Washington martedì.

L’amministrazione Biden ha stabilito che le armi a lungo raggio fornite dagli Stati Uniti all’Ucraina non possono essere utilizzate per attaccare il territorio russo riconosciuto. Secondo Politico, questa restrizione ha consentito alla Russia di concentrare forze significative al confine con l’Ucraina senza timore di attacchi preventivi. Secondo i funzionari ucraini, la Russia è riuscita a concentrare almeno 30 soldati ed equipaggiamenti vicino al confine.

I parlamentari ucraini sperano che la loro visita a Washington contribuisca a cambiare la posizione della Casa Bianca e consenta l'uso di armi americane per attaccare obiettivi militari russi fuori dall'Ucraina. Nell’ambito della campagna si incontreranno i rappresentanti di una dozzina di uffici del Congresso.

Tuttavia, la Russia ha già affermato in precedenza che l’uso di armi straniere contro oggetti sul territorio del paese rappresenta una “linea rossa” e, a quanto pare, Mosca intende dare una risposta forte in caso di utilizzo di missili o bombe aeree americane sui territori delle regioni di confine.

.

Blog e articoli

al piano di sopra