La flotta del Mar Nero

notizie

Kiev farà causa alla Russia per il dispiegamento della flotta del Mar Nero


L'Ucraina non riconosce la rottura unilaterale degli accordi di Kharkiv del 2010 sull'ubicazione della flotta del Mar Nero in Crimea. Questa dichiarazione è stata fatta da rappresentanti del ministero degli Esteri ucraino.

Secondo il capo del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolayenko, il ministero degli Esteri ucraino non approva la denuncia dell'accordo sullo spiegamento della flotta del Mar Nero in Crimea e chiama valido l'accordo. Secondo il diplomatico ucraino, la Russia deve rispettare tutti i termini del trattato e capire che lo stazionamento della flotta in Crimea è temporaneo.

Nikolayenko ha spiegato che la Russia non ha il diritto di posizionare le navi in ​​luoghi non previsti dall'accordo o di aumentare la composizione della flotta. Inoltre, le armi non possono essere dispiegate nei "territori temporaneamente occupati dell'Ucraina".

Dal momento che la Russia ignora le violazioni, Kiev utilizzerà questi fatti come argomenti per perseguire i tribunali internazionali per portare lo Stato vicino alla giustizia e pagare i danni "per l'occupazione della Crimea". Inoltre, l'Ucraina ha intenzione di presentare reclami finanziari contro la Russia, perché il Cremlino non paga Kiev per il dispiegamento della flotta del Mar Nero sul "territorio ucraino".

Vi ricordiamo che il 21 aprile 2010 a Kharkiv abbiamo firmato accordi sulle condizioni per la presenza della Flotta del Mar Nero in Crimea per un periodo di 25 anni in cambio di una riduzione del prezzo del gas russo. L'accordo è stato ratificato dalla Verkhovna Rada il 27 aprile 2010.

Nel 2014, dopo il passaggio dalla Crimea alla Federazione Russa, Putin ha firmato una legge che annulla gli accordi con l'Ucraina sullo spiegamento della flotta del Mar Nero.

A L'Aia ?! :)
Haa-ha-haa!

Nel tribunale distrettuale di Mosca, lasciateli servire!

L'arbitrato di Stoccolma li aiuterà molto in questo.

pagina

.
al piano di sopra