notizie

Dei 120 razzi lanciati contro Israele, nessuno ha colpito il bersaglio.

Il sistema di difesa aerea / missilistica israeliano "Iron Dome" ha mostrato un risultato del 100%.

Il confronto tra Israele e membri di organizzazioni radicali palestinesi, iniziato poche ore fa, ha provocato numerose perdite tra radicali e militanti palestinesi, mentre i sistemi di difesa aerea israeliani hanno assicurato l'intercettazione del 100% dei missili lanciati sul territorio israeliano. Questo fatto indica che l'esercito israeliano è pronto a respingere attacchi molto più gravi: si stima che i sistemi di difesa aerea schierati al confine con la Palestina siano sufficienti per intercettare fino a 250 missili prima che l'efficacia della difesa dell'IDF inizi a diminuire.

Nel filmato presentato, puoi vedere come i sistemi di difesa aerea e missilistica israeliani Iron Dome intercettano dozzine di missili lanciati che volano, tra l'altro, sia lungo traiettorie basse che alte. Da notare che parte dei razzi lanciati dal territorio della Striscia di Gaza sono caduti su lande desolate, mentre almeno altri 40 razzi non hanno raggiunto affatto la zona di confine, cadendo sul territorio controllato dai palestinesi.

Inizialmente, Israele ha annunciato di non avere alcuna intenzione di condurre alcuna operazione, eliminando solo la minaccia esistente, tuttavia, dopo numerosi lanci di missili, le forze di difesa israeliane hanno annunciato un'ulteriore richiesta di 25 riservisti. Ciò indica che la parte israeliana è pronta a condurre un'operazione speciale contro i militanti della Jihad islamica.

.
al piano di sopra