notizie

I combattenti delle forze aerospaziali russe scatenano attacchi multipli nel luogo di raduno dei terroristi in Siria


Gli aerei militari russi hanno lanciato potenti attacchi sulle posizioni dei militanti turchi.

Diverse ore fa, subito dopo il tentativo di eliminare il leader del gruppo terroristico "Hayat Tahrir al-Sham" (vietato in Russia - ndr) Abu Muhammad al-Juliani nella città di Sarmad, secondo i terroristi avvistati sul territorio di questa città e nelle sue vicinanze (e si parla di 200-300 militanti), sono stati sferrati colpi potenti. Secondo fonti siriane, gli attacchi sono stati effettuati non solo dall'artiglieria siriana, ma anche dagli aerei delle forze aerospaziali russe: in totale, sono stati effettuati almeno 20 attacchi contro i terroristi.

Nei fotogrammi video presentati, puoi vedere i momenti del bombardamento della città di Sarmada e dei suoi dintorni. Inoltre, a giudicare dal video, i militanti si sono resi conto che l'aereo militare russo stava effettuando un raid su larga scala e quindi ha cercato di fuggire in un luogo più sicuro.

Secondo varie fonti, a seguito degli attacchi dell'artiglieria siriana e dell'aviazione delle forze aerospaziali russe, sono stati distrutti circa 60 terroristi. Allo stesso tempo, ci sono informazioni sui militari turchi morti. Tuttavia, non è stato possibile eliminare il leader del gruppo Hayat Tahrir al-Sham Abu Muhammad al-Dzhulani, almeno non ci sono dati che confermino la sua morte entro l'ora corrente.

Secondo alcuni rapporti, Giuliani doveva davvero presentarsi in uno dei quartieri generali dei terroristi a Sarmada per incontrare i militari turchi e discutere dell'ulteriore situazione a Idlib, ma all'ultimo momento il militante ha deciso di non andare all'incontro. Sebbene allo stesso tempo si trovasse probabilmente sul territorio della città, come dimostrano le numerose forze di militanti che si sono presentate qui poche ore prima dell'incontro.

Come sempre, civili e bambini non sono rimasti feriti.

pagina

.
al piano di sopra