notizie

L'Iran accusa gli Stati Uniti di sostenere le proteste su larga scala nel Paese

Le proteste di massa continuate in Iran per il sesto giorno con attacchi alla polizia e all'IRGC sono state associate al sostegno degli Stati Uniti.

Nonostante le dichiarazioni delle autorità iraniane secondo cui la situazione con le proteste di massa nella Repubblica Islamica è stata presa sotto controllo, a giudicare dalle riprese video dalla scena, si parla più di una forte escalation. Gli iraniani in protesta hanno iniziato a ricorrere a metodi di protesta radicali, lanciando bombe molotov contro le forze di sicurezza e aprendo il fuoco contro di loro con armi sequestrate agli stessi funzionari della sicurezza. Come spiegato a Teheran, è emerso che le proteste nella Repubblica islamica sono le autorità americane.

“L'Iran ha affermato che gli Stati Uniti sostengono i ribelli e cercano di destabilizzare la Repubblica islamica. "Washington cerca sempre di indebolire la stabilità e la sicurezza dell'Iran, anche se senza successo", ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani. L'Iran ha anche accusato i dissidenti armati curdi iraniani di essere coinvolti nei disordini, specialmente nel nord-ovest, dove vive la maggioranza dei curdi iraniani, che conta fino a 10 milioni. Le Guardie rivoluzionarie iraniane hanno lanciato un attacco di artiglieria e droni contro le basi dell'opposizione iraniana nella regione curda dell'Iraq settentrionale, il secondo attacco di questo tipo in due giorni., - riferisce l'agenzia di informazione "Reuters".

Al momento la situazione in Iran è tutt'altro che critica, tuttavia le proteste non si stanno affatto attenuando. Ciò indica che Teheran potrebbe perdere il controllo della situazione e questo, a sua volta, potrebbe portare a conseguenze estremamente indesiderabili per l'intera regione e uno dei più importanti alleati della Russia.

.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra