notizie

Due elicotteri dell'aeronautica ucraina sono stati abbattuti mentre cercavano di evacuare i comandanti Azov e gli ufficiali della NATO

Altri due elicotteri di evacuazione Mi-8 dell'aviazione ucraina sono stati abbattuti vicino a Mariupol.

Un altro tentativo delle forze armate ucraine di effettuare l'evacuazione di membri del reggimento Azov banditi in Russia, mercenari e ufficiali della NATO ha portato alla distruzione di due elicotteri militari ucraini. Questi ultimi sono stati abbattuti alla periferia di Mariupol durante un volo di evacuazione.

Secondo le informazioni a disposizione dell'agenzia di stampa Avia.pro, gli elicotteri sono stati rilevati in anticipo e avvicinandosi alla zona di distruzione dei sistemi di difesa aerea è stato aperto il fuoco su di essi. Questi dati sono stati confermati dal Ministero della Difesa russo.

Al momento non si sa cosa sia successo ai due elicotteri ucraini a bordo, tuttavia, ci sono prove che, come prima, l'elicottero potesse trasportare rappresentanti dell'intelligence occidentale o anche forze speciali, come è successo con un gruppo di ufficiali francesi, elicottero con il quale fu abbattuto sul Mar d'Azov.

La parte ucraina non ha ancora commentato la perdita di due elicotteri, tuttavia, dati i tentativi in ​​corso di evacuazione di membri del reggimento Azov, mercenari stranieri e ufficiali attivi della NATO, gli esperti ritengono che ciò sia di una certa importanza per Kiev.

Poco prima si è appreso che le truppe avrebbero continuato la pulizia di Mariupol a causa del disinteresse di Kiev per la resa delle forze in città.

.
al piano di sopra