notizie

Ci vorrà più di un mese per inviare mobilitati nella zona NWO

I cittadini mobilitati della Russia partiranno per la zona NVO non prima di un mese.

Nella sua dichiarazione, il capo del Comitato per la difesa e la sicurezza del Consiglio della Federazione, Viktor Bondarev, ha smentito le precedenti notizie secondo cui i cittadini russi che erano stati parzialmente mobilitati sarebbero stati inviati nella zona NVO entro le prossime due settimane. Secondo il senatore, ci vorrà almeno un mese per inviare i mobilitati, il che è dovuto alla necessità di un'adeguata preparazione.

Al momento, è noto che i mobilitati andranno al fronte solo dopo che una commissione speciale avrà deciso che queste unità sono pronte al combattimento. Allo stesso tempo, per la preparazione stessa, l'esercito russo ha già un piano adeguato. Secondo Viktor Bondarev, coloro che sono stati chiamati nell'ambito della mobilitazione parziale svolgeranno compiti nell'ambito proprio di quelle specialità militari che hanno ricevuto mentre prestavano servizio nell'esercito, il che esclude la coscrizione di militari di riserva con altre specialità di registrazione militare.

È noto che le misure di mobilitazione sono già iniziate e sono in corso di attuazione secondo il piano stabilito.

In totale, si prevede di mobilitare 300 coscritti. Allo stesso tempo, gli esperti prestano attenzione al fatto che stiamo parlando di mobilitazione parziale, poiché la mobilitazione avviene solo per l'1% del numero totale di cittadini che possono essere mobilitati se si presenta tale necessità.

.
al piano di sopra