Ryanair Airlines

notizie

Il dispatcher che ha atterrato l'aereo "RyanAir" con l'oppositore bielorusso a Minsk, è fuggito in Polonia e ha confessato


Il dispatcher che ha costretto la RyanAir ad atterrare in Bielorussia è fuggito in Polonia.

Nel caso dell'atterraggio forzato di un aereo passeggeri RyanAir con a bordo un oppositore bielorusso sono emersi dettagli estremamente inaspettati. Come si è scoperto, lo stesso controllore del traffico aereo che era incaricato dell'atterraggio di un aereo passeggeri a Minsk è riuscito a fuggire in Polonia, dove ha confessato in questo caso di alto profilo.

È prevista la pubblicazione di un rapporto completo su questo caso di alto profilo entro la fine di quest'anno, tuttavia sono già disponibili dati preliminari. Come si è scoperto, il servizio di controllo del traffico aereo dell'aeroporto di Minsk al momento dell'incidente era controllato da dipendenti del Comitato per la sicurezza dello Stato della Bielorussia: erano i servizi speciali che davano ordini al dispatcher di schierare l'aereo.

“I rappresentanti dei servizi di sicurezza europei, che hanno voluto rimanere anonimi perché non autorizzati a discutere di informazioni riservate, hanno affermato che l'uomo fuggito in Polonia lavorava come controllore del traffico aereo all'aeroporto di Minsk. Dalla sua fuga, ha fornito prove dettagliate che una falsa minaccia di bomba è stata trasmessa al volo Ryanair come parte dell'operazione per catturare il signor Protasevich. Alla domanda sulla fuga in Polonia, Stanislav Zaryn, direttore del Dipartimento della sicurezza nazionale polacco, ha rifiutato di commentare i dettagli, ma ha affermato che i funzionari polacchi che indagano su quello che ha chiamato il dirottamento Ryanair sono riusciti a "ottenere prove documentali di ciò che stava accadendo nella sala di controllo . ". Ha aggiunto che, secondo il testimone, l'ufficiale del servizio di sicurezza e intelligence bielorusso del KGB in quel momento era nella sala di controllo e "nel momento decisivo ha preso il controllo del servizio di controllo del traffico aereo". Durante l'incidente, l'ufficiale bielorusso "ha mantenuto un costante contatto telefonico con qualcuno a cui ha informato di ciò che sta accadendo attualmente con l'aereo", ha affermato Zarin. ", - riporta "The New York Times".

Al momento, le autorità bielorusse non commentano la situazione, tuttavia, molto probabilmente, lo spazio aereo bielorusso non solo rimarrà chiuso, ma verranno imposte anche sanzioni molto gravi contro i vettori aerei bielorussi. Inoltre, il divieto potrebbe applicarsi ai voli verso le città russe.

Sikorsky ha chiamato il New York Times materiale informativo.
"Le informazioni apparse sul New York Times sono principalmente destinate all'uomo medio della strada, al pubblico, a coloro che non conoscono le specifiche dell'aviazione civile.
Per noi, come professionisti, queste informazioni sono prive di significato e persino assurde ", ha affermato Artem Sikorsky, direttore del dipartimento dell'aviazione del ministero dei trasporti e delle comunicazioni della Bielorussia.
Secondo lui, "la decisione di atterrare a Minsk è stata presa dal capitano dell'aereo". "
Un dispatcher, secondo tutte le regole e gli standard internazionali, non può esercitare pressioni su una decisione del capitano di un aereo, soprattutto nel contesto di una minaccia alla sicurezza aerea", ha affermato Sikorsky.

"Quando è arrivata la commissione dell'ICAO, tutti i nostri spedizionieri, che erano di turno quel giorno, hanno raccontato in dettaglio come tutto è successo, tutto è stato registrato", ha affermato Artem Sikorsky, capo del dipartimento dell'aviazione del Ministero dei trasporti e delle comunicazioni della Bielorussia.
Abbiamo tutte le prove della correttezza delle nostre azioni.

Secondo il capo del dipartimento dell'aviazione del Ministero dei trasporti e delle comunicazioni della Bielorussia A. Sikorsky, la comparsa di tale imbottitura è necessaria per giustificare gli autori e gli esecutori di sanzioni illegali contro Minsk.

I bielorussi non hanno nulla da perdere, sono già state imposte loro sanzioni, Belavia diventerà un vettore regionale russo-bielorusso. E la palla è dalla parte di Lukashenka, che può chiudere lo spazio aereo della Repubblica di Bielorussia. Il centralinista "ha fornito prove"? Solo i bielorussi lo hanno interrogato prima, ma secondo te l'hanno ammirato in questi sei mesi? È come le analisi di Olesha: subito, prima e dopo Berlino

Grandi notizie. In effetti, nessuno dubitava che l'aereo fosse atterrato per ordine del Vecchio. Semplicemente non c'era nulla da mentire fin dall'inizio: se a bordo ci fosse un "nemico dello stato", come scrive uno dei commentatori, lo direbbero. È vero, la possibilità di sanzioni adeguate del Vecchio all'Occidente solleva dubbi: ha portato il paese in debiti non pagati, quali sono le risposte.

un suggerimento sottile, ma generalmente provocatorio: il divieto di voli per le città russe

Gli ufficiali del KGB bielorussi sono fantastici, sanno come far atterrare gli aerei al momento giusto, nel posto giusto.

lo spedizioniere deve ottenere un permesso di soggiorno. Può dire che Putin era in piedi nella sala di controllo con una pistola e che lui stesso ha diretto l'atterraggio dell'aereo, mentre il papà ha preso l'aereo con una mitragliatrice.

è stato un atto di terrorismo aereo

Qualcosa che ha corso per molto tempo!? contrattare?
L'aereo ha atterrato un pilota, alias FAC. Disp trasmesso solo da un volantino del KGB.
La situazione era di emergenza e la presenza del KGB sulla torre era giustificata. Viene chiamato il coordinamento.

Un'altra "provetta" dei servizi speciali occidentali? Beh, hanno fatto atterrare un aereo con un nemico dello stato, e allora? È morto qualcuno? No. Quindi ben fatto, più per intraprendenza. Limiteranno i voli in Bielorussia (parte dello Stato dell'Unione) e lo Stato dell'Unione non rimarrà indebitato. È tutto vuoto, una tempesta in un bicchiere per fare pressione sul papà. I "soci" erano in ritardo.

O il corriere è scappato per soldi, o solo per false testimonianze.

E tutti pensavano che lo spedizioniere avesse fatto atterrare lui stesso l'aereo.

pagina

.
al piano di sopra