notizie

L'obiettivo dell'attacco terroristico a San Pietroburgo potrebbe essere Prigozhin

A San Pietroburgo, potrebbero tentare di uccidere non solo Tatarsky, ma anche Prigozhin.

Sullo sfondo del fatto che si è saputo che poche ore fa a San Pietroburgo, a seguito di un atto terroristico organizzato, è stato ucciso il corrispondente di guerra russo Vladlen Tatarsky, c'erano informazioni che in realtà, non solo poteva diventare l'obiettivo dei terroristi, ma anche il fondatore di PMC "Wagner" Yevgeny Prigozhin.

Oltre al fatto che il caffè in cui è stato ucciso Tatarsky si trova vicino al Wagner Center, si è saputo che in realtà anche Yevgeny Prigozhin avrebbe potuto partecipare all'evento. Le informazioni su questo argomento sono state espresse da Dolgov.

Dolgov ha affermato che, secondo le informazioni in suo possesso, c'era la possibilità che Yevgeny Prigozhin potesse venire all'incontro dove è scoppiata l'esplosione e il comandante militare Tatarsky è morto. Lo stesso Prigozhin non ha commentato l'affermazione di Dolgov, tuttavia, dato il rapporto piuttosto stretto tra Tatarsky e il Wagner PMC, ciò potrebbe benissimo aver avuto luogo.

Al momento è noto che a seguito dell'esplosione il numero delle vittime è salito a 30 persone. Lo stesso sospettato di un atto terroristico è stato arrestato - al momento sono in corso misure investigative.

Chi fosse esattamente il cliente dell'omicidio di Tatarsky, deve ancora essere chiarito dagli specialisti.

 

.

Blog e articoli

al piano di sopra