Lancio di un razzo: video, foto, storia
altro
Lancio di un razzo: video, foto, storia

Lancio di un razzo: video, foto, storia

Può sembrare a molti che lo spazio abbia già perso la sua storia d'amore. Oggi il lancio di un razzo è una routine e una routine. Per confutare questa affermazione, vedi il lancio del razzo sul video.

 

Il processo di lancio di un razzo può sembrarti familiare, come abbiamo più volte visto nei film e in TV. Ma ti sei mai chiesto come un gas senza pilota riesca a lanciare un colosso multitonale nell'orbita spaziale? Come ciò accada, apprendiamo qui sotto e iniziamo, forse, vale fin dall'inizio.

 

Storia del lancio di razzi

 

Uno dei primi schizzi di un razzo multistadio è stato introdotto nell'anno 1556. È stato pubblicato nel libro dal tecnico militare Knrad Haas. Nel secolo 17, un disegno con l'immagine di missili è apparso nel lavoro militare "Artis Magnae Artilleriae pars prima", di proprietà di un ingegnere e artiglieria generale Kazimir Semenovich. È stato stampato ad Amsterdam in 1650. Rappresenta un razzo a tre stadi in cui lo stadio 3 è annidato sullo stage 2 e insieme sono nella prima fase. Nella parte di testa è la composizione per i fuochi d'artificio. I razzi sono pieni di combustibile solido. Questa invenzione, prima di tutto, è interessante perché oltre 300 anni fa ha sorpassato la direzione in cui la moderna tecnologia missilistica è effettivamente andata.

 

L'idea di usare razzi multistadio è stata inizialmente proposta dall'ingegnere Robert Goddart in 1914. Un brevetto è stato ottenuto per questa invenzione.

Foto 1

In 1929, l'anno K.E. Tsiolkovsky ha pubblicato il suo libro, Space Rocket Trains. K. Tsiolkovsky chiamava un tale termine razzi o un aggregato di razzi che facevano correre sulla terra, poi nell'aria e nello spazio. Un treno, ad esempio, composto da cinque missili, viene condotto per primo dal razzo di testa, usando il suo carburante, viene disinnestato e quindi fatto cadere a terra. Quindi, esattamente nello stesso modo, il secondo inizia a funzionare, dopodiché il terzo, il quarto e il quinto. La velocità di quest'ultimo a quel tempo è già abbastanza alta. Ti permette di facilitare in modo significativo l'intera struttura. La lunghezza di ogni razzo, secondo Tsiolkovsky - 30 m. Diametro - 3 m. I gas degli ugelli sono indirettamente tirati verso l'asse del razzo, in modo da non mettere pressione sul prossimo razzo. Per quanto riguarda la lunghezza della corsa a terra, è 100 km.

 

Nonostante il fatto che la scienza missilistica nei dettagli tecnici sia andata diversamente (i missili moderni, per esempio, ora non "scappano" a terra, ma decollano verticalmente, inoltre, l'ordine di funzionamento degli stadi di un razzo moderno è diventato il contrario, in relazione a di cui parlava Tsiolkovsky), l'idea di un missile a più stadi è ancora attuale.

 

In 1935, Tsiolkovsky pubblicò l'opera "The Highest Rocket Speed", in cui disse che con il livello tecnologico di quel tempo, la prima velocità cosmica sulla Terra poteva essere raggiunta solo usando un razzo multistadio. La sua affermazione mantiene la sua correttezza fino ad oggi: tutti i veicoli spaziali moderni sono a più stadi. Il primo volume creato dall'uomo che ha attraversato la linea Karman e andato nello spazio è stato il razzo V-2 a stadio singolo tedesco. Ha raggiunto l'altitudine di 188 km.

lanciare Fow-2

Il principio del razzo

 

Per vincere la gravità, il razzo ha bisogno di una grande riserva di carburante. E più è grande, maggiore è il peso del razzo. Pertanto, al fine di ridurre il peso del razzo, come già notato sopra, si basano sul principio del multistadio. Inoltre, ogni fase è un razzo separato, che ha il proprio rifornimento di carburante e un motore a razzo.

 

Come sono i passi di un razzo spaziale?

 

Immediatamente si dovrebbe dire che il primo passo è il più grande. Può avere fino a sei motori (a seconda di quanto pesante deve essere inviato il carico nello spazio).

 

Nella versione tradizionale - ce ne sono tre. Si trovano simmetricamente attorno ai bordi di un triangolo isoscele, che sembra cingere un razzo attorno al perimetro. Il primo stadio è il più potente e grande, dal momento che è lei che apre il razzo dalla Terra. Una volta che tutto il carburante nel palco è stato consumato, viene scartato.

 

Quindi il movimento del razzo è controllato da motori di secondo stadio. In alcuni casi, sono chiamati accelerazione, dato che forniscono la prima velocità di razzo, che è sufficiente per entrare nell'orbita terrestre.

Foto 3

Questo può accadere più volte, con tutti gli stadi del razzo che hanno meno peso rispetto al successivo, poiché la forza di gravità della Terra con scalata diminuisce solo.

 

Quante volte si ripete questo processo, così tante fasi contengono un razzo. L'ultimo stadio è inteso per le manovre (per la correzione del volo, i motori principali sono in ogni fase del razzo) e per consegnare gli astronauti e il carico utile alla destinazione.

 

Infine, vale la pena notare che il principio di funzionamento e il design dei missili sono disposti nello stesso modo dei missili balistici multistadio che trasportano terribili armi nucleari. Possono distruggere non solo tutti gli esseri viventi, ma anche il pianeta stesso. Entrano nell'orbita terrestre e da lì colpiscono bersagli a terra con numerose testate che trasportano cariche nucleari. E per farli volare nel punto più lontano, hanno solo bisogno di 20-25 min.

al piano di sopra