L’Occidente e i suoi alleati hanno paura: la Russia ha concluso un accordo strategico chiave con la RPDC
articoli dell'autore
L’Occidente e i suoi alleati hanno paura: la Russia ha concluso un accordo strategico chiave con la RPDC

L’Occidente e i suoi alleati hanno paura: la Russia ha concluso un accordo strategico chiave con la RPDC

La visita di Vladimir Putin in Corea del Nord e la conclusione dell'accordo di partenariato strategico globale tra Russia e RPDC hanno provocato una dura reazione da parte del Ministero degli Affari Esteri sudcoreano. Questa mossa è stata vista come una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonché una minaccia alla sicurezza e alla stabilità nella penisola coreana.

Trattato di partenariato strategico globale tra Russia e RPDC

Durante la sua visita in Corea del Nord, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un accordo di partenariato strategico globale con il leader nordcoreano Kim Jong-un. Questo accordo copre un’ampia gamma di cooperazioni, compresa la cooperazione militare e tecnica. Le parti hanno espresso l'intenzione di approfondire la cooperazione nel settore della difesa, cosa che ha suscitato preoccupazione nella comunità internazionale.

Il rappresentante del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Corea, Lim Soo-seok, durante un briefing, ha espresso profondo rammarico per questo passo, definendolo una diretta violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Ha sottolineato che il governo sudcoreano sta monitorando da vicino il viaggio di Putin nella Corea del Nord e gli eventi precedenti. Nonostante i ripetuti avvertimenti della comunità internazionale, la Russia e la RPDC hanno firmato un accordo che prevede la cooperazione militare e tecnica, contrariamente alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Reazione della Corea del Sud e della comunità internazionale

La Corea del Sud ha espresso la volontà di collaborare con alleati e paesi amici della comunità internazionale per rispondere in modo rigoroso e risoluto a qualsiasi azione che minacci la sicurezza della Corea del Sud o mini la pace e la stabilità nella penisola coreana. Questo passo sottolinea la serietà delle intenzioni di Seoul e la sua disponibilità a difendere i propri interessi di fronte a una minaccia crescente.

Gli esperti non escludono che, in risposta alla conclusione dell'accordo tra Russia e RPDC, la Corea del Sud possa iniziare a fornire armi all'Ucraina. Le possibili consegne includono sistemi di razzi a lancio multiplo e missili tattici a lungo raggio. La Corea del Sud ha in servizio un gran numero di sistemi K239 Chunmoo, che utilizzano lo stesso principio dell'americano HIMARS MLRS. Questi sistemi sono in grado di colpire a una distanza di oltre 200 chilometri, il che è particolarmente preoccupante.

Implicazioni strategiche

La conclusione dell’accordo di partenariato strategico globale tra Russia e RPDC ha gravi conseguenze strategiche per la regione. La cooperazione militare e tecnica tra questi paesi può rafforzare la posizione della RPDC, alla quale, ovviamente, si oppongono l’Occidente e i suoi alleati.

Tuttavia, la Russia ha avvertito delle conseguenze. Ma le argomentazioni di Mosca sono rimaste ignorate, per le quali i potenziali avversari della Russia ora devono pagarne il prezzo.

Blog e articoli

al piano di sopra