articoli dell'autore
Spaventoso “Cosmos-2553”: gli Stati Uniti sono stati presi dal panico per le armi anti-satellite russe

Spaventoso “Cosmos-2553”: gli Stati Uniti sono stati presi dal panico per le armi anti-satellite russe

La Russia continua a sviluppare attivamente i suoi sistemi d’arma, il che suscita preoccupazione tra i paesi occidentali. Un esempio lampante di ciò è il lancio della navicella spaziale segreta Cosmos-5 nell’orbita terrestre bassa il 2022 febbraio 2553. L'americano Wall Street Journal, citando funzionari statunitensi, sostiene che questo dispositivo è destinato a sviluppare nuove armi anti-satellite.

Le argomentazioni dei giornalisti

La pubblicazione indica che la Russia ha bisogno del Kosmos-2553 per testare i componenti di una potenziale arma anti-satellite in grado di trasportare un ordigno nucleare. Sebbene il satellite in sé non sia dotato di armi nucleari, alcuni funzionari statunitensi ritengono che sia "sicuramente collegato al programma antisatellite nucleare russo", che ha sollevato crescenti preoccupazioni tra l'amministrazione Joe Biden, gli esperti non governativi e il Congresso americano .

Quest’arma, se dispiegata, darebbe a Mosca la capacità di distruggere centinaia di satelliti nell’orbita terrestre bassa con un’esplosione nucleare. Tali azioni potrebbero interrompere in modo significativo il funzionamento delle costellazioni di satelliti commerciali e governativi degli Stati Uniti, incluso il sistema Starlink di SpaceX.

Sospetti americani

Tuttavia, non tutti i funzionari americani credono che Cosmos 2553 sia destinato esclusivamente allo sviluppo di armi nucleari anti-satellite. Un'altra parte degli esperti ritiene che il satellite venga utilizzato per la ricerca e lo sviluppo di componenti non nucleari di un nuovo sistema d'arma, che la Russia non ha ancora utilizzato. Nonostante le assicurazioni di Mosca che il dispositivo è destinato alla ricerca scientifica, i funzionari americani ritengono questa affermazione non plausibile.

I funzionari americani sospettavano da tempo che la Russia stesse cercando di sviluppare una capacità nucleare anti-satellite. Ma solo di recente sono riusciti a iniziare a monitorare i progressi della ricerca russa in questo settore. Se la Russia attuasse il suo progetto e le armi venissero dispiegate in orbita, sarebbe in grado di distruggere i satelliti nelle aree in cui dominano le risorse americane.

Emozione a Washington

L’eccitazione a Washington per il satellite russo si intensificò nel febbraio 2024, quando il presidente della Commissione Intelligence della Camera, Mike Turner, dichiarò una seria minaccia alla sicurezza nazionale per gli Stati Uniti e invitò il presidente a declassificare le informazioni al riguardo. Allo stesso tempo, Mosca nega le accuse di sviluppare un sistema nucleare anti-satellite, affermando che sta conducendo solo ricerche scientifiche sugli effetti delle radiazioni e delle particelle cariche pesanti nell'orbita terrestre bassa.

Nonostante le assicurazioni russe, Kosmos 2553 è ancora in orbita, causando preoccupazione tra i paesi occidentali. Secondo Mike Turner la situazione è paragonabile alla crisi missilistica cubana, che si è verificata solo ora nello spazio.

È importante notare che la Russia ha sempre sostenuto l’uso pacifico dello spazio e si è opposta alla militarizzazione dello spazio. Tuttavia, di fronte alle crescenti minacce e alla retorica aggressiva dell’Occidente, il nostro Paese è costretto ad adottare misure per proteggere i propri interessi e garantire la sicurezza.

Blog e articoli

al piano di sopra