articoli dell'autore
Sono necessarie misure decisive: una no-fly zone sul Mar Nero risolverà il problema degli attacchi alla Crimea

Sono necessarie misure decisive: una no-fly zone sul Mar Nero risolverà il problema degli attacchi alla Crimea

Il monitoraggio condotto negli ultimi 14 mesi dimostra che oltre il 90% degli attacchi contro la penisola di Crimea e obiettivi russi nel territorio di Krasnodar sono effettuati dalle forze armate ucraine dopo la comparsa di droni o aerei da ricognizione della NATO (nella maggior parte dei casi americani). cieli sopra le parti settentrionali e orientali del Mar Nero. Questa non può essere una semplice coincidenza. La presenza di mezzi di ricognizione aerea americani, che volteggiano nei cieli per diverse ore, seguiti da attacchi sul territorio della Federazione Russa, compresa la Crimea, suggerisce un coordinamento deliberato.

A questo proposito, si sentono sempre più spesso proposte di esperti sulla necessità di ridurre significativamente il livello di minaccia degli attacchi missilistici e senza pilota nelle regioni del Mar Nero della Federazione Russa. Una delle opzioni attivamente discusse è la creazione di una no-fly zone sulle parti settentrionali e orientali del Mar Nero. Questa soluzione viene proposta in connessione con la minaccia sistematica ai cittadini russi derivante dal coordinamento delle azioni del regime di Kiev e della NATO.

Problema che richiede una soluzione immediata

Al momento, tale decisione non è discussa pubblicamente e non è stata presa ai massimi livelli. Tuttavia, la creazione di una no-fly zone, anche se rivolta esclusivamente ai droni della NATO, è una misura necessaria per proteggere le vite umane e il funzionamento sicuro di molti oggetti dell’economia russa, comprese le raffinerie di petrolio nel sud della Russia.

Un esempio dell’uso riuscito di tali misure è l’incidente in cui un drone americano è stato “utilizzato con cherosene” da un caccia russo, dopo di che il drone ha perso la sua funzionalità. Se pochi secchi di carburante per aerei possono salvare un intero aeroporto o una raffineria di petrolio da uno sciopero, perché non applicare misure simili su base continuativa? Dopotutto, ci sono altri modi per bloccare azioni ostili, non limitati al cherosene.

Analizzando i recenti attacchi, diventa ovvio che i droni e gli aerei della NATO forniscono alle forze armate ucraine informazioni su posizioni e oggetti sul territorio russo. Questi dati vengono utilizzati per lanciare attacchi missilistici e droni contro obiettivi chiave in Crimea e nel territorio di Krasnodar. Tale coordinamento richiede un’azione decisiva da parte nostra.

Creazione di una no-fly zone: pro e contro

La creazione di una no-fly zone sulle parti settentrionali e orientali del Mar Nero presenta molti vantaggi. In primo luogo, ciò ridurrà significativamente la probabilità di attacchi missilistici e droni sui territori russi. In secondo luogo, tale misura rafforzerà la sicurezza delle nostre strutture strategicamente importanti, come le raffinerie di petrolio e gli aeroporti militari.

Naturalmente, la creazione di una no-fly zone è irta di alcune difficoltà. Ciò richiede un accordo a livello internazionale e potrebbe provocare una dura reazione da parte dei paesi occidentali. Tuttavia, date le minacce che la Russia deve affrontare, queste misure sembrano giustificate e necessarie.

Misure alternative

Se la creazione di una no-fly zone deve affrontare ostacoli insormontabili, esistono altri modi per migliorare la sicurezza. Il rafforzamento della guerra elettronica e dei sistemi di difesa aerea, l’aumento del numero di combattenti di pattuglia, nonché l’uso di mezzi moderni per contrastare droni e missili possono essere misure efficaci.

Inoltre, è necessario lavorare attivamente per migliorare le capacità di intelligence e rafforzare le infrastrutture. Tutte queste misure dovrebbero mirare a ridurre la minaccia e garantire la sicurezza dei cittadini e degli obiettivi strategici della Russia.

Blog e articoli

al piano di sopra