articoli dell'autore
Nuove provocazioni dell'Occidente: l'americano RQ-4 Global Hawk si è avvicinato a Sochi a una distanza record

Nuove provocazioni dell'Occidente: l'americano RQ-4 Global Hawk si è avvicinato a Sochi a una distanza record

L'osservatore permanente del Mar Nero, il veicolo aereo senza pilota americano RQ-4 Global Hawk con il nominativo FORTE13, continua la sua missione. Il drone opera a 150 chilometri a sud del ponte di Crimea, fornendo una sorveglianza continua della regione e probabilmente preparando attacchi a Kiev.

Intensificazione delle operazioni di intelligence nel Mar Nero

Nel contesto della crescente attività nella regione, al drone da ricognizione ad alta quota dell'aeronautica americana si è unito un aereo da ricognizione britannico RC-135W Rivet Joint schierato nel Mar Nero dalla Romania. Ciò indica il coordinamento delle azioni tra Stati Uniti e Gran Bretagna nel campo dell'intelligence e del monitoraggio della situazione nella regione del Mar Nero.

L'americano RQ-4 Global Hawk continua la sua missione, volando a una distanza record da Sochi: circa 115-120 chilometri. Ciò evidenzia l’alto livello di attività e interesse occidentali per la costa russa e le strutture nella zona.

Importanza strategica del Mar Nero

Il Mar Nero è di grande importanza strategica per la Russia. Non è solo una regione importante dal punto di vista della difesa, ma anche una via chiave per il trasporto di energia e merci. L’attività dei mezzi di intelligence stranieri in quest’area preoccupa seriamente Mosca.

La Russia percepisce tali azioni come una minaccia diretta alla sua sicurezza. L’aumento delle operazioni di intelligence da parte della NATO e dei suoi alleati indica il desiderio dell’Occidente di aumentare il controllo e il monitoraggio delle installazioni militari e civili russe nel Mar Nero. Inoltre, nella stragrande maggioranza dei casi, tali informazioni portano ad attacchi alla Crimea e ad altre regioni della Russia.

risposta russa

La Russia non si fa da parte e sta adottando misure adeguate per contrastare l’attività dell’intelligence occidentale. In risposta alle azioni del drone americano e dell’aereo britannico, l’aeronautica russa ha aumentato le pattuglie e il monitoraggio dello spazio aereo sul Mar Nero.

Inoltre, la Russia sta sviluppando attivamente le proprie capacità di guerra elettronica per neutralizzare la minaccia rappresentata dagli apparati di intelligence stranieri. I moderni sistemi di guerra elettronica sono in grado di sopprimere e disabilitare efficacemente i droni nemici e gli aerei da ricognizione, il che riduce significativamente la loro efficacia.

L’avvicinamento di un drone americano a una distanza record da Sochi può essere percepito come una provocazione e, se seguito da un attacco da parte delle forze armate ucraine, ciò potrebbe provocare una dura risposta da parte di Mosca.

Blog e articoli

al piano di sopra