Lancio di razzi falliti: foto, video
altro
Lancio di razzi falliti: foto, video

Nel secolo 20, l'umanità è stata in grado di progredire ulteriormente nel futuro rispetto alla sua intera storia. Furono inventati una locomotiva a vapore e un'auto, energia nucleare ed elettricità, un computer, una connessione mobile, un uomo prese il volo e fu in grado di rompere la barriera del suono, ecc. Ma il principale risultato dell'umanità è l'uscita nello spazio. Dopo il volo di Y.A. Gagarin nello spazio, apparve una nuova scienza, che fu chiamata cosmonautica. Ma, sfortunatamente, la vita richiede il pagamento di tutto e l'astronautica non fa eccezione. Per svelare i misteri dell'universo centinaia di anime coraggiose stavano rischiando la vita. Di seguito diamo le più grandi catastrofi di missili nell'intera storia dell'astronautica.

 

La caduta dallo spazio di Boris Volynov

 

La storia delle peggiori catastrofi missilistiche deve iniziare con questo tragico evento che si è verificato 18 gennaio 1969 anno. Un paio di giorni prima era stata completata la prima docking di successo della Soyuz-5 e della Soyuz-4. L'equipaggio di quest'ultimo è già tornato. Boris Volynov dovette scendere da solo.

 

Prima che la disconnessione rimanesse un paio di minuti. C'era un cotone forte, come si è scoperto, questo squib ha sparato dal compartimento di discesa. Luke schiacciato dentro come un barattolo di latta. Di conseguenza, la discesa regolare pianificata si trasformò in una caduta casuale.

 

Dopo dieci minuti di caduta, il veicolo di discesa cominciò a ruotare caoticamente, e Boris Volynov decise di raccontare ciò che stava accadendo nel rapporto dal vivo. Questo potrebbe essere richiesto dagli astronauti che lo seguono. Trasmetteva le letture dello strumento ogni 15 secondi, cercando in ogni modo di influenzare la situazione.

 

Ad una distanza di 90 km dalla Terra, la capsula di discesa fu semplicemente strappata dalla nave principale. Si è liberata dal carico eccessivo e ha preso fuoco, a seguito della quale la fotocamera ha cominciato a riempirsi gradualmente di fumo. A un'altitudine di 10 km dalla Terra, un paracadute si aprì, ma le sue linee scivolarono. Si prevedeva che ciò avrebbe comportato la sua chiusura, ma ciò non è accaduto. Girando in diverse direzioni, il dispositivo si avvicinò alla superficie della Terra.

 

Sfortunatamente, l'atterraggio morbido del motore non ha funzionato in modo tempestivo. Il colpo fu così forte che Boris Volynov spezzò le radici dei denti superiori. Atterrò con un paracadute non completamente aperto, tutto battuto, ma vivo.

 

Avvio non riuscito "Soyuz-18"

 

5 April 1975, si è verificato un altro tragico evento. In questo giorno, la navicella Soyuz-18 doveva ormeggiare con la stazione orbitale Salyut-4. A bordo c'erano gli astronauti O. Makarov e V. Lazarev.

 

La scienza era ossessionata dalle frequenti catastrofi dei missili sovietici. E questo episodio non fa eccezione.

 

Meno di cinque minuti, quando il problema è iniziato. Nel momento in cui il motore del secondo stadio dovette spegnersi a causa di un guasto del relè, fu necessario ripristinare la sezione di coda del terzo stadio.

Foto 2

Come risultato della violazione delle fasi del processo di separazione, è emersa una forte rotazione. H 295 secondo dall'equipaggio ha ricevuto il comando "Incidente". La navicella spaziale si divise e cominciò a scendere. Durante l'incidente, il sistema di controllo della discesa ha cessato di essere orientato nello spazio. In altre parole, è diventato confuso su e giù, il che ha portato al passaggio di molti comandi sbagliati. Ad esempio, invece di ridurre il sovraccarico, ha iniziato ad aumentare a 21,3 g che era pericoloso per la vita umana (ad esempio, il sovraccarico massimo sui simulatori è 15 g).

 

L'organismo degli astronauti cominciò a fare cose strane. A poco a poco, la vista cominciò a cadere: dapprima divenne bianca e nera, poi cominciò a restringersi. Su consiglio dei medici, hanno cominciato a urlare a squarciagola. Ma il loro sibilo, somigliava poco all'uomo. Ma è durato un tempo relativamente breve. Dopo alcuni minuti, i sovraccarichi hanno iniziato a diminuire gradualmente. Il sistema di paracadute funzionava e il dispositivo si trovava su una delle pendici dell'Altai.

 

Il disastro Mitrofan Nedelin. Rocket "P-16"

 

Quindi le catastrofi di razzi su Bayonur erano estremamente rare, poiché il cosmodromo stesso appariva relativamente di recente. Ma si è verificato il disastro di ottobre 24 1960, che è giustamente considerato il più terribile. In questo giorno, sul trampolino di lancio N. 41, si è svolto il lavoro preparatorio per il lancio del razzo intercontinentale "Р-16", il cui principale progettista era Mikhail Yangel. Dopo il pieno rifornimento, gli specialisti hanno rivelato un malfunzionamento nell'automazione del motore. Tali casi sono necessari per rilasciare il razzo dal carburante e solo successivamente procedere alla risoluzione dei problemi. Ma se avessero seguito le istruzioni, avrebbero dovuto posticipare il lancio del razzo, cosa che il governo non avrebbe gradito.

 

Per evitare tali conseguenze, Marshal M.I. Nedelin diede l'ordine di eliminare la faglia sul razzo di rifornimento. Ma nessuno immaginava che ci sarebbero state conseguenze del genere. Dozzine di specialisti hanno lavorato al problema. Inoltre, lo stesso maresciallo controllava il lavoro, seduto su uno sgabello, non lontano dal corpo del razzo. Niente problemi prefigurati.

Ma tutto è andato bene fino all'annuncio del trentesimo minuto di preparazione. La potenza è stata applicata all'unità corretta. E poi il motore del secondo stadio ha funzionato, a seguito del quale un potente getto di gas in fiamme è scappato da un'altezza. La maggior parte degli specialisti, incluso lo stesso maresciallo, morì di velocità fulminea. Altri lavoratori si precipitarono verso dove. Ma furono fermati da una fila di filo spinato che recintava il cavalletto. La fiamma più forte evapora la gente, lasciando solo i contorni delle figure, fibbie sciolte e pezzi di cinture carbonizzate.

 

In questo disastro, 50 è stato ferito e 92 è stato ucciso. Dal maresciallo M. Nedelina rimase solo la stella dell '"Eroe dell'Unione Sovietica". Al momento dell'incidente, il designer Mikhail Yangel si ritirò nel bunker della sicurezza, e per questo sopravvisse.

 

La morte di "Union-11"

 

Anche questo tragico evento, che si è verificato 30 June 1971, non può essere menzionato. In questo giorno, gli astronauti V. Volkov, G. Dobrovolsky e V. Patsayev, che hanno lavorato a bordo della stazione "Salyut-1" 23 del giorno, sono tornati sulla Terra. Avendo preso posto e allacciato le cinture di sicurezza, hanno iniziato a controllare le prestazioni dei sistemi di bordo. Nessuna deviazione è stata identificata.

 

Il modulo di discesa "Soyuz-11" è entrato nell'atmosfera della terra nel tempo stimato. Lo schieramento del paracadute è stato registrato a 9 chilometri dalla superficie, ma l'equipaggio non si è messo in contatto. L'antenna radio, che è stata cucita nelle sue linee, spesso si è rifiutata di atterrare, quindi l'MCC non ha emesso l'allarme. Tale problema spesso accompagnava la catastrofe dei missili sovietici, ma non era fatale. Due minuti dopo l'atterraggio, la gente corse velocemente alla capsula di soccorso. Ma nessuno ha risposto al colpo sul muro. Aprendo il portello, videro gli astronauti che non mostravano segni di vita. Sono stati rapidamente trascinati fuori e hanno cercato di rianimare. I tentativi durarono più di un'ora, ma inutilmente - gli astronauti morirono.

È stata condotta un'indagine, che ha dimostrato che la loro morte era dovuta all'apertura non autorizzata di una valvola d'aria - il suo compito era di equalizzare la pressione dell'aria all'interno del modulo di discesa. Ad un'altitudine di circa 150 chilometri, ha arbitrariamente aperto. Per alcuni secondi, l'aria lasciò la cabina.

 

La posizione dei corpi degli astronauti indicava che stavano cercando di trovare ed eliminare guai. Ma nella nebbia che riempiva la cabina dopo la depressurizzazione, questo era problematico. Quando G. Dobrovolsky (secondo altre fonti, V. Patsayev) rivelò una valvola aperta e cercò di chiuderla, semplicemente non ebbe abbastanza tempo, poiché tutta l'aria aveva già lasciato la cabina.

 

«-1 Union." La tragica morte di Vladimir Komarov

 

Nell'URSS, le catastrofi missilistiche abbastanza frequenti non si sono fermate. Diamo un altro esempio. La nave Soyuz-1 è stata lanciata nella notte di aprile 23 su 1967. Già al mattino su tutti i giornali dell'URSS hanno riferito di questo evento in prima pagina, avendo pubblicato, oltre alle informazioni, una fotografia del cosmonauta Vladimir Komarov. Il giorno dopo la foto era nello stesso posto, ma solo vestita con una cornice da lutto. Cosa è successo?

 

Il decollo di Soyuz-1 non ha causato reclami. Il vettore di razzi senza problemi ha consegnato la nave in orbita. Ma i problemi sono iniziati più tardi. Il fallimento del sistema di orientamento a stella e l'apertura incompleta dell'antenna di riserva del sistema di telemetria erano ancora i più insignificanti di essi. Il secondo pannello solare non si è aperto, ma non importa. Un tentativo di orientare un pannello lavorabile verso il Sole non ha avuto successo, di conseguenza il bilanciamento è stato interrotto. La navicella spaziale cominciò a perdere energia, che avrebbe portato alla sua morte. Ma V. Komarov, in modalità manuale, fu in grado di orientarlo, discendere dall'orbita e persino procedere all'atterraggio.

Ma l'incidente non è stato evitato: è successo a 9,5 km da terra quando il sensore ha dato il comando di rilasciare un paracadute. Ce ne sono tre nella nave: principale, freno e scarico. I primi due sono usciti con successo, ma il terzo è rimasto bloccato. La rotazione rapida del modulo di discesa iniziò e V. Komarov decise di attivare il paracadute di riserva. È uscito bene, ma le sue fionde si sono avvolte attorno al freno penzolante all'apertura. Furono loro a spegnere la cupola.

 

L'astronauta morì all'istante. L'impatto è stato così forte che il modulo sul misuratore 0,5 è entrato nel terreno. Il fuoco, che sorse dopo la caduta, fu facilmente estinto in nessun modo, quindi, solo i resti bruciati di un astronauta dovettero essere sepolti nel muro del Cremlino.

 

La morte prima del lancio. Apollo 1

 

Il nome Apollo-1 ("Apollo-1") è stato post factum assegnato alla nave Apollo ancora scarica e al veicolo di lancio Saturn IBA204. Febbraio 21 Il primo volo con equipaggio doveva svolgersi a febbraio 1967. Ma a gennaio 27 durante i test a terra nel complesso di lancio 34, si verificò un grave incendio nella nave, a causa della quale fu ucciso l'intero equipaggio: R. Chaffee, E. White e V. Grissom.

 

Mentre l'atmosfera nella nave "Apollo" finiva ossigeno puro sotto pressione ridotta. Grazie al suo uso, è stato possibile non solo risparmiare sul peso, ma anche per facilitare un sistema di supporto vitale. Inoltre, il processo di andare nello spazio esterno è stato semplificato, poiché in volo la pressione nella cabina dovrebbe essere solo 0,3 atm. Ma sulla terra tali condizioni non possono essere riprodotte, quindi l'ossigeno puro è stato usato con l'eccesso di pressione.

foto dopo l'incendio di Apollo 1

A quel tempo, gli esperti non sapevano ancora che l'utilizzo di determinati materiali in un ambiente di ossigeno poteva causare un incendio. Uno di questi era il Velcro. Cominciò a scintillare in un ambiente di ossigeno, e in questo caso, una singola scintilla è sufficiente per un incendio.

 

Per alcuni secondi, il fuoco si sparse per tutta la nave e le tute spaziali degli astronauti furono danneggiate. Inoltre, il complesso sistema non consentiva loro di aprire rapidamente il portello. La commissione ha concluso che gli astronauti erano già morti 25 secondi dopo la formazione di una scintilla.

 

Dopo questo incendio, il programma di volo con equipaggio è stato sospeso e lo stesso complesso di lancio 34 è stato smantellato. Sui suoi resti c'era una lapide commemorativa.

 

Missione incompleta "Apollo 13"

 

La terribile missione dell'Apollo-13 ("Apollo-13") è anche tra le terribili catastrofi missilistiche. Anche la sua storia è tragica, anche se leggermente diversa.

 

11 April 1970 dell'anno la navetta spaziale Apollo-13 si staccò dalla superficie terrestre per fornire terrestri alla luna. Fu pilotato: capitano - Jim Lovell, John Swagate e Fred Hayes. Due giorni di volo hanno avuto luogo nella modalità normale. Ma i numeri 13 non sono andati secondo i piani. La giornata era quasi finita, l'equipaggio ha dovuto mescolare il carburante per scoprire cosa ne è rimasto, e poi un forte scoppio risuonò, e un'ondata d'onda rotolò oltre il bordo. Si è scoperto che uno dei serbatoi con ossigeno liquido è crollato. Sul cruscotto si accesero le spie. Attraverso l'oblò, gli astronauti hanno visto il più potente getto di gas che colpisce l'aria aperta dal modulo di servizio. Si è scoperto che l'esplosione aveva distrutto il primo serbatoio di ossigeno, e il secondo era danneggiato. Nonostante tutti gli sforzi, il danno non può essere riparato. Ben presto la nave rimase senza acqua, ossigeno ed elettricità. I successivi fallirono le batterie chimiche installate nel modulo di comando. Per allungare ancora un po 'di tempo, gli astronauti decisero di passare al modulo lunare. Ma cosa fare dopo?

Il capitano Jean Krantz decise di schierare Apollo 13 usando la forza di gravità della luna. Gli astronauti hanno usato il motore del modulo lunare, ma la nave ha iniziato a ruotare. Jim Lovell ha impiegato due ore per imparare a manovrare nelle nuove condizioni e guidare la nave nella giusta direzione. Avendo volato intorno alla luna, la nave si precipitò sulla Terra.

 

Dopo molte avventure che gli astronauti hanno dovuto superare, sono caduti esattamente in una determinata area. Tre persone fredde, esauste e non addormentate tornarono a casa.

 

La caduta del razzo a Plesetsk

 

23 April 2015, i media stranieri e russi hanno riferito che il lancio di un veicolo di lancio sperimentale è fallito. Vale la pena notare che nella stampa occidentale parole come "esplosione di razzi", "un'altra catastrofe", "cosmodromo di Plesetsk" passavano attraverso tutti i messaggi. Ma hanno dimenticato un discorso molto importante. Le catastrofi missilistiche nella Federazione Russa non sono così frequenti come in URSS. Quindi cosa è successo allora?

 

Secondo il servizio stampa del governo russo nella regione di Arkhangelsk, un razzo sperimentale lanciato dal cosmodromo di Plesetsk è stato trovato a 7 km dal sito di lancio. Secondo i servizi speciali, il sito dell'incidente è stato sviluppato dagli specialisti delle discariche. Non c'era alcuna minaccia agli insediamenti vicini.

 

Il razzo è stato utilizzato per lanciare il satellite in orbita. Era dotato di strumentazione. Allo stesso tempo, il comando strategico delle forze missilistiche ha affermato che non aveva nulla a che fare con questo incidente e non sapevano nulla del lancio. Di conseguenza, siamo riusciti a scoprire che il dispositivo apparteneva a una delle numerose imprese di difesa, vale a dire l'impianto che sviluppa i missili Topol e Yars. Pertanto, le loro tre espressioni regolari, come "esplosione di razzi", "catastrofe", "cosmodromo di Plesetsk", solo quest'ultima può essere considerata vera.

 

Disastro Challenger

 

Gli incidenti dei razzi spaziali negli 80 del secolo scorso stavano perseguitando l'America. Di seguito descriviamo uno degli esempi.

 

28 Gennaio 1986 era una folla di persone riunite al sito di lancio di Cape Canaveral che poteva vedere una palla di fuoco arancione-bianca in un cielo limpido. È apparso già dopo 73 dopo il lancio, quando il Challenger dello space shuttle è esploso su uno dei ripetitori di carburante solido a causa della gomma sigillante non sufficientemente sigillata. Poi la cosmonautica americana perse Michael Smith, Francis Scobie, Ronald McNair, Gregory Jarvis, Gregory Jarvis, Allison Onizuku e Christie McAuliffe. Quest'ultimo non era un astronauta professionista - era insegnante in una delle scuole secondarie nella città di Lanham. Fu portata con ordine di Ronald Reagan in persona.

 

Prima della partenza, la temperatura in Florida è scesa a -27 gradi Celsius. Tutti i dintorni, compreso il corpo del veicolo spaziale, erano coperti di ghiaccio. In questo caso, seguendo le istruzioni, la partenza dovrebbe essere posticipata, soprattutto perché detto da uno degli ingegneri responsabili della partenza. Ma loro non lo ascoltarono. La nave ha portato alla morte.

 

Entro sedici secondi dopo il lancio, la nave fece una svolta aggraziata e uscì dall'atmosfera. All'improvviso apparve una luce tremolante tra il serbatoio del carburante e il fondo della nave. Immediatamente ci fu una serie di esplosioni, di conseguenza, lo shuttle cadde in pezzi, e cadde in acqua. Gli astronauti morirono quasi all'istante.

 

Gli americani hanno descritto l'evento come "catastrofe", "razzo", "sfidante". La nazione è addolorata. Di conseguenza, lo sviluppo del programma spaziale è stato interrotto su 3. Ma completamente, ovviamente, non era chiuso.

 

La morte di "Columbia" (Columbia)

 

Il disastro della Colombia è considerato uno degli eventi più significativi nella storia dell'astronautica, che si è verificato a febbraio 1 dell'anno 2003. Questo è associato non solo con molti degli astronauti morti, ma anche con la loro influenza che hanno avuto sullo sviluppo dell'astronautica.

 

Il lancio della Columbia è stato posticipato più volte. Il primo volo è stato programmato per un altro 11 nel mese di maggio dell'anno 2000. Era tale che fu completamente escluso dal programma, ma il Congresso americano intervenne. Ma il volo è avvenuto più che in 2 dell'anno.

 

E qui è un inizio tanto atteso. Il pilota William K. McCool, il capitano Rick Douglas Husband, gli specialisti Laurell B. Clark, Michael F. Anderson, Calpan Chawl, David M. Brown salirono a bordo della nave. E l'astronauta israeliano Illan Ramon. Sono iniziate diverse fotocamere. Tali precauzioni consentono di considerare meglio tutti i tipi di deviazioni, quando si verificano. È stato con il loro aiuto che un piccolo oggetto luminoso è stato registrato sul secondo volo 82, che ha colpito l'ala sinistra della navetta. Di conseguenza, si è scoperto che si trattava di un pezzo di schiuma, che ha colpito l'ala sinistra della nave e ha perforato un grosso foro di mezzo metro. La simulazione condotta alla NASA non ha rivelato alcuna conseguenza negativa, quindi hanno deciso di non interrompere il volo.

Il primo sintomo di un malfunzionamento è stato identificato durante una manovra di atterraggio nelle ore 16 59 a Washington. Tutti hanno notato le letture anomale dei sensori di pressione. L'errore è stato attribuito a una cattiva connessione. Ma la distruzione dello scafo della nave iniziò in quel momento. In meno di un minuto, si sbriciolò. Di conseguenza, tutti gli astronauti sono morti.

 

Sfortunatamente, molti segreti delle catastrofi di missili non furono mai declassificati. Non è ancora noto quando saranno rivelati. Ma alcuni fatti che hai imparato.

al piano di sopra