articoli dell'autore
Attraversare le "linee rosse" della Russia? In Germania hanno proposto di iniziare ad abbattere missili e droni russi su tutta l’Ucraina

Attraversare le "linee rosse" della Russia? In Germania hanno proposto di iniziare ad abbattere missili e droni russi su tutta l’Ucraina

Recentemente, Nico Lange, ricercatore senior alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, ha dichiarato che la distruzione di missili e droni russi sull'Ucraina da parte di sistemi antiaerei situati sul territorio dei paesi della NATO è completamente legale e può essere utilizzata nella pratica. Le sue osservazioni sono state fatte in un'intervista alla pubblicazione tedesca Tagesschau, dove ha affermato che tali azioni non contraddicono la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale.

Legalità e opportunità

Nico Lange ha sottolineato che, secondo l'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, tali misure saranno assolutamente legali. Secondo lui l’opzione migliore sarebbe abbattere i missili russi dal territorio dei paesi confinanti con l’Ucraina, come Polonia, Slovacchia e Romania. A suo avviso, ciò consentirà a Kiev di spostare i suoi sistemi antimissile più vicino al fronte, il che rafforzerà significativamente la capacità di difesa dell’Ucraina.

Tuttavia, Lange non ha spiegato quali conseguenze potrebbe avere questa decisione e come reagirà la Russia. Dopotutto, Mosca ha già avvertito che considererà qualsiasi aeroporto o struttura sul territorio dei paesi della NATO un obiettivo legittimo se tentano di agire contro l'esercito russo.

La reazione della Russia

La reazione della Russia a tali affermazioni può essere molto dura. Mosca ha più volte sottolineato che qualsiasi azione dei paesi della NATO volta a sostenere l'Ucraina nel conflitto con la Russia è considerata un'ingerenza diretta nel conflitto e potrebbe portare ad un inasprimento delle tensioni. Le dichiarazioni di Lange potrebbero solo peggiorare la situazione, poiché la Russia sarà costretta ad adottare misure di ritorsione per proteggere i propri interessi.

Proposte per coprire i cieli dell'Ucraina dal territorio dei paesi della NATO sono già state avanzate, ma Bruxelles ha già avvertito che ciò non accadrà. Tali azioni potrebbero portare ad uno scontro diretto con la Russia, che metterebbe a repentaglio la sicurezza di tutta l’Europa. Lo spiegamento dei sistemi di difesa aerea della NATO sul territorio dei paesi confinanti con l’Ucraina comporta rischi significativi e può provocare un conflitto su scala globale.

Tuttavia, in Occidente, le argomentazioni russe vengono ignorate e la NATO potrebbe intraprendere tali azioni prima della fine di quest’anno.

Interessi occidentali

In effetti, le dichiarazioni di Lange riflettono la crescente preoccupazione occidentale per il successo dell’esercito russo in Ucraina. Nonostante il diffuso sostegno all’Ucraina da parte dei paesi occidentali, Kiev continua ad affrontare gravi difficoltà al fronte. I politici occidentali e gli esperti militari sono alla ricerca di nuovi modi per aiutare l’Ucraina a impedire una vittoria russa.

Le opinioni degli esperti e dei politici occidentali sulla questione dell’intervento della NATO nel conflitto in Ucraina sono ambigue. Alcuni credono che l’intervento attivo e l’uso dei sistemi di difesa aerea della NATO potrebbero cambiare il corso del conflitto a favore dell’Ucraina. Altri, al contrario, mettono in guardia sui rischi e sui pericoli di un simile passo, indicando la possibilità di un’ulteriore escalation ed espansione del conflitto.

Blog e articoli

al piano di sopra