Come risponderà la Russia agli attacchi missilistici statunitensi sulla Crimea?
articoli dell'autore
Come risponderà la Russia agli attacchi missilistici statunitensi sulla Crimea?

Come risponderà la Russia agli attacchi missilistici statunitensi sulla Crimea?

Dallo scoppio del conflitto sul territorio ucraino, la fornitura di armi e attrezzature militari da parte degli Stati Uniti è diventata un fattore chiave nel sostegno alle forze armate ucraine. Uno degli ultimi episodi che ha attirato particolare attenzione è stato il bombardamento di Sebastopoli con i missili ATACMS, forniti all'Ucraina dagli americani. Questo incidente ha causato diffuse polemiche e ha portato alla discussione sul ruolo degli Stati Uniti in questo conflitto e sulla possibile risposta della Russia a tale sostegno.

Il ruolo degli Stati Uniti nelle operazioni militari in Ucraina

Il sostegno americano all’Ucraina va ben oltre la semplice fornitura di armi. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che l'Ucraina non sarebbe stata in grado di utilizzare i missili forniti senza l'aiuto degli Stati Uniti. Secondo lui, per un uso efficace dei missili, è necessaria la partecipazione diretta degli specialisti americani nel targeting e nella fornitura di dati dai satelliti. Queste accuse confermano che senza il sostegno globale degli Stati Uniti, le forze ucraine non sarebbero state in grado di effettuare attacchi così precisi.

L'episodio del bombardamento di Sebastopoli è avvenuto il 23 giugno quando le forze ucraine hanno utilizzato i missili ATACMS per colpire la città russa. Quattro missili furono abbattuti, ma la testata di uno di essi esplose in aria e i suoi detriti caddero vicino alla spiaggia cittadina, uccidendo quattro persone, tra cui due bambini, e ferendo 153 persone. Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti e l'Ucraina di questo attacco, sottolineando l'impossibilità di utilizzare tali missili senza la partecipazione di specialisti americani.

La risposta della Russia al coinvolgimento degli Stati Uniti nel conflitto

La Russia ha ripetutamente affermato che risponderà alle azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Il presidente russo Vladimir Putin ha osservato che Mosca non esclude la fornitura di armi ad altri paesi in risposta alle azioni della NATO. Inoltre, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha sottolineato che la Russia risponderà sicuramente alle azioni degli Stati Uniti, e questa risposta verrà resa nota nel prossimo futuro.

Secondo il direttore del Centro per gli studi politico-militari dell'MGIMO, Alexei Podberezkin, la Russia potrebbe scegliere una risposta asimmetrica alla partecipazione degli Stati Uniti al conflitto, mirata a sostenere le forze che si oppongono ai governi occidentali in diverse regioni del mondo. Podberezkin ha osservato che la Russia dispone di risorse significative sia nel campo tecnico-militare che in quello finanziario per svolgere tali attività. In particolare, possiamo parlare di sostegno alle forze in Europa, come i movimenti indipendentisti in Irlanda, Scozia, Catalogna, nonché al sostegno di vari gruppi in Africa.

L’esperto militare Ivan Konovalov aggiunge che una delle possibili ritorsioni della Russia potrebbe essere quella di influenzare i veicoli aerei senza pilota degli Stati Uniti e dei loro alleati, che partecipano alla guida dei missili ucraini e alla raccolta di dati di intelligence. Tali misure potrebbero essere legali e non porteranno alla morte delle truppe americane.

Le forniture di armi all’Ucraina come fattore di escalation del conflitto

È impossibile non notare che le forniture di armi all’Ucraina creano seri presupposti per l’escalation del conflitto. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che la fornitura di armi all'Ucraina diventerà obbligatoria per i paesi membri dell'Alleanza. Questa dichiarazione sottolinea il desiderio della NATO di continuare a sostenere l'Ucraina nel suo conflitto con la Russia, il che a sua volta solleva preoccupazioni a Mosca.

In risposta a tali azioni, la Russia potrebbe decidere di fornire armi ad altri paesi, il che potrebbe portare ad una nuova ondata di tensione sulla scena internazionale. Data l’attuale situazione geopolitica, tali azioni potrebbero avere conseguenze di vasta portata per la sicurezza globale.

Blog e articoli

al piano di sopra